Consensi per la nuova maglia nel segno della tradizione

Non sempre, negli ultimi anni, la maglie studiate per la nuova stagione hanno accontentato i tifosi-

Chi non ricorda l’imbarazzante maglia che proponeva le strisce nere nello stile di un codice a barre?

C’era attesa per la presentazione odierna ma alla fine la soddisfazione era palpabile, sia in chi le aveva studiate che tra i presenti. 

Maglia a strisce, come tradizione vuole, senza stravolgimenti o concessioni clamorose al culto dell’immagine.

La prima maglia ufficiale della Robur 2010-2011, graficamente e sobriamente ritoccata, conserva i significati della sua storia e questo non potrà che far piacere a tutti i tifosi bianconeri.

Ormai siamo abituati a vedere società che, nel nome del merchandising più vorace o condizionati dalle richieste delle tv commerciali,  propongono divise che rinnegano la propria storia calpestando i sentimenti dei tifosi.

Rosso passione la seconda maglia, con una banda bianconera verticale decentrata, che riporta ai colori sociali.

Il risultato cromatico che ne viene fuori è molto gradevole, ben diverso da quell’ “inguardabile” seconda maglia della passata stagione (arancione con una manica bianca e una nera!!!) che tante polemiche ha suscitato.

La terza maglia sarà nera con bordi bianchi, pantaloncini e calzettoni  neri e sarà utilizzata solo, o quantomeno prevalentemente, nelle partite della Coppa Italia.

Ancora gialla la prima maglia del portiere mentre la seconda presenta una fantasia geometrica di riquadri bianchi e neri molto simile ad una scacchiera. Se ci fossero problemi di abbinamento cromatico con gli avversari di turno è stata comunque predisposta una terza maglia rossa.

Complimenti alla società ed in particolare alla vice presidente Valentina Mezzaroma  che ha curato in prima persona il restyling. (nn)

Fonte: Fedelissimo Online