Commissione medica: digitalizzazione dati degli atleti

Oggi a Coverciano, parallelamente alla riunione fra gli arbitri, allenatori e capitani, si è riunita la Commissione medico scientifica della Lega Serie B. L'organismo, che questa mattina ha ricevuto la visita del presidente federale Giancarlo Abete, è stato istituito lo scorso autunno per approfondire i protocolli medico sanitari delle società, i temi della tutela della salute degli atleti, le procedure di pronto intervento e le tematiche in tema di lotta al doping, dando una risposta concreta alle esigenze delle associate. Alla Commissione ne fanno parte specialisti di tutti gli ambiti: ortopedico, cardiologico, nutrizionista, internista e di medicina legale, oltre a due rappresentanti degli staff medici delle società. 

All'ordine del giorno l'avvio di una serie di progetti legati alla tutela medico sanitaria dei club associati e degli atleti e, inoltre, l'esito dell'analisi del grado di tutela scaturito dal questionario distribuito alle 22 società. Fra i primi il processo di digitalizzazione dei dati sanitari (cartelle cliniche degli atleti), strumento considerato fondamentale per condividere fra le società le migliori pratiche e scambiare le informazioni in ambito medico-scientifico; le linee guida per l'alimentazione, in relazione alle diverse fasce orarie in cui si disputa una partita; la criticità legata all'eccesso di medicalizzazione e, infine, un progetto di ricerca sui settori giovanili che monitorizzi una serie di patologie ricorrenti. 

Relativamente allo studio condotto con gli staff medici, soddisfazione è emersa dal grado di organizzazione presente nelle 22 realtà: "Abbiamo constatato che le nostre società sono ben strutturate sotto tutti i punti di vista" – ha detto il coordinatore della Commissione Francesco Braconaro – "a dimostrazione che il tema della tutela sanitaria è prioritario per i nostri club". "Con l'aiuto delle società e i loro staff medici, ora che il quadro complessivo è chiaro, passeremo dalla fase di analisi a quella progettuale. Nel rispetto del ruolo della Lega e in assoluto rispetto e collaborazione con gli organi della federazione e del Coni" ha detto il direttore generale della Lega Serie B Paolo Bedin.

Fonte: legaserieb.it