Colantuono: “Non dobbiamo avere l’assillo di vincere. Pubblico delle grandi occasioni? Ci servirà…”

La gara di domani contro il Siena è uno di quegli appuntamenti in cui è vietato fallire. E l'Atalanta per l'occasione giocherà accerchiata da una cornice di pubblico d'eccezione. L'iniziativa indetta dalla società per il 105° compleanno della Dea ha riscosso un prevedibile successo ed ecco che alla vigilia si auspica di conquistare il tutto esaurito. Anche il tecnico dell'Atalanta Stefano Colantuono si è detto felice di poter disputare una gara con tutti questi sostenitori e l'ha ribadito nella conferenza stampa odierna: 
“Ci serve avere così tanta gente in un appuntamento così importante. È una cosa confortante che mi fa molto piacere”.

Con i toscani si attenuerà di poco l'emergenza dovuta agli infortuni, soprattutto per quanto riguarda il reparto arretrato: 
“Carmona ha superato quel problemino che lo assilla da quest'estate. Tuttavia non è ancora completamente in condizione. Dietro abbiamo fuori solo Bellini e Ferri e finalmente abbiamo recuperato delle pedine importanti. Chi recupereremo per Pescara? Carmona entrerà ancora di più in condizione mentre Bellini e Ferri sono in stand by. Marilungo? Ha bisogno di tempo per ritrovare lo smalto che aveva prima dell'infortunio. Solo giocando tornerà quello di prima”.

L'allenatore nerazzurro non si è invece voluto sbilanciare sulla formazione che verrà contrapposta al Siena:
 “La formazione devo ancora deciderla. Sto valutando bene con calma. È probabile che ci schiereremo in base anche al loro modulo”.

I bianconeri sono un avversario agguerrito e intenzionato a risalire la china dopo aver patito, proprio come l'Atalanta lo scorso anno, una penalizzazione di 6 punti. Colantuono, per l'appunto, avverte della pericolosità di questa diretta concorrente per la salvezza: 
“Il Siena è una squadra che sta facendo un ottimo campionato. Sa soffrire e lo sta dimostrando nonostante i punti di penalizzazione. È un avversario temibile e dovremo stare attenti nel corso di tutta la partita. Se troveremo un Siena arrembante dovremo essere bravi a difenderci ma credo che in casa noi abbiamo una marcia in più”.

Siena, che dovrà fare a meno di un allenatore carismatico come Cosmi in panchina, che dovrà scontare un turno di squalificato, inflittogli dopo la partita persa dai suoi contro la Juventus: 
“Sicuramente Serse è un allenatore che in panchina si fa sentire. Può essere un piccolo vantaggio ma il Siena è una squadra esperta che sa comportarsi bene in campo”.

Insomma, il match di domani ha tutta l'aria di essere una sfida da non fallire… 
“Noi vogliamo fare una bella partita. Noi non abbiamo l'assillo di dover vincere a tutti i costi ma dobbiamo semplicemente cercare di giocare un buon calcio, soprattutto in fase offensiva, perché sono sicuro che i risultati arriveranno. Dovremo essere ovviamente più cinici perché fin qui abbiamo sprecato parecchie occasioni: la gara esterna con la Roma ne è la dimostrazione”.

Fonte: tuttoatalanta.com