Colantuno in conferenza stampa: “Tutti insieme per gioire ancora: servirà una gara attentissima”

ZINGONIA – A 3 passi da quota 40. Nessuno ci avrebbe mai creduto, ma l'Atalanta è lì, ad una manciata di punti dal traguardo finale. Il Siena non si può considerare lontanissimo, ed ecco così che la sfida salvezza è servita. Ma i ragazzi di Colantuono saranno più agguerriti e determinati per conquistare la vittoria, forse la più importante e decisiva dell'anno. I toscani sono reduci dall'1 a 0 rifilato alla rinomata Udinese, mentre i nerazzurri dalla batosta di Cagliari, che ha fermato la striscia di risultati utili consecutivi. L'Atalanta è pronta a ripartire, a rialzare subito la testa, anche per far dimenticare ai tifosi le brutte vicende extra-calcistiche che ormai ci perseguitano dalla scorsa estate. Dare un calcio alle chiacchiere e chiudere già da domani la pratica salvezza è dunque l'obiettivo primario di Stefano Colantuono, che dopo lo stop di Cagliari, non accetterà altri passi falsi, specie contro una diretta concorrente. Il tecnico di Anzio inquadra così l'importante e delicata gara di domani.

Denis c'è per la panchina?
“Sì è convocato e lo portiamo in panchina”.
Quale sarà la ricetta per battere il Siena?
“Grande concentrazione per una partita importante. Sono in salute e anche loro, come noi, vogliono raggiungere al più presto il risultato. Corrono molto e sono organizzatissimi. Non dobbiamo sottovalutarli”.
Vincendo, la salvezza sarebbe finalmente raggiunta?
“Non lo so, dipende dalle immediate inseguitrici”.
Nei precedenti con Sannino, vi siete spesso trovati in difficoltà.
“Anche noi abbiamo messo in difficoltà Sannino. Il risultato parte da un completo equilibrio”.
La visita di Prandelli con conseguente considerazione per alcuni elementi della vostra rosa è motivo di soddisfazione?
“Ci fa molto piacere perché va a premiare il lavoro di tutta la squadra. Si tratta di giocatori prima sottovalutati e ora rivalutati”.
Le solite vicende extra-calcistiche rischiano di intaccare nuovamente la vostra concentrazione?
“Non lo so. È un problema che sta capitando anche ad altre squadre. Prima l'avevamo subito solo noi e non ci siamo fatti distrarre. Non so come reagiranno le altre squadre. Queste vicissitudini le abbiamo superate abbastanza bene. L'ultimo discorso comunque ci tocca pochissimo”.
Servirà un'Atalanta motivata?
“Sì, mi piacerebbe vedere un'Atalanta applicata. Non possiamo regalare nulla. Cagliari deve rimanere solo un episodio anche se ci può stare una giornata storta. In virtù dell'ultima gara voglio che saremo pronti a ripartire già da domani. Siamo stati forse poco lucidi”.
Le difese saranno la chiave tattica della gara?
“Può darsi. Sono due difese attente e preparate. Nel nostro campionato per ottenere risultati devi attuare una fase difensiva ottimale”.
Bonaventura ultimamente sta avendo pochissimo spazio. C'è una spiegazione alle sue ultime esclusioni?
“Siamo tanti ed ha avuto meno spazio. Fa parte del gioco del calcio. Anche Ferreira Pinto sta giocando poco. Ce ne sono tanti che hanno giocato poco. Con Bonaventura ci sono le porte aperte ma io non posso fare discriminazioni. Purtroppo si gioca in 11”.
Ha intenzione di cambiare qualcosa dal punto di vista tattico?
“Non credo, vogliamo proseguire con un certo tipo di lavoro. In linea di massima cambierò poco o niente”.
Gabbiadini può diventare un grande giocatore in proiezione?
“Assolutamente sì. Lui non è quello di oggi, ci dobbiamo aspettare ancora molto. Ha numeri e colpi per poterlo diventare”.
La vera rivelazione del campionato è l'Atalanta o il Catania?
“Il Catania sta facendo cose straordinarie ma noi siamo una neo promossa e per noi è stato più difficile arrivare a raggiungere questi punti”.
Un appello ai tifosi, considerando anche gli sconti allo stadio?
“Quello che c'è stato la scorsa settimana con il Bologna deve avere un proseguimento. I tifosi ci sono sempre stati vicini. Domani tutti insieme per passare una buona Pasqua e gioire ancora. Invito tutti a vivere la gara di domani con la massima spinta”.
Destro è il giocatore più pericoloso del Siena?
“Destro è un giocatore di prospettiva molto bravo. Sta facendo buone cose”.

Fonte: tuttoatalanta.com