Clamoroso a Livorno: nove tifosi lanciano l’azionariato popolare

Gloria, casalinga di 45 anni, Piero impiegato di 44 anni, Chiara commessa di 30 anni, Italo pensionato 73enne, Raffaele 45enne dipendente del Ministero della Difesa. Sono questi cinque dei nove soci fondatori dell’Azionariato Popolare Livornese, gli altri sono un professionista, un cassintegrato, un impiegato e un insegnante di musica.

L’obiettivo dell’APL è quello di acquistare il 10% delle quote societarie in mano la presidente Spinelli, ottenendo di conseguenza, un consigliere di amministrazione.

L’iniziativa, sostenuta dalla Banca Etrusca, si ispira, ovviamente, ai modelli del Barcellona, Real Madrid, Bayern Monaco, Amburgo, Benfica, Sporting Lisbona e Arsenal.

La cifra da raggiungere sarà di un milione di euro e per raggiungerla ci vorranno 20.000 sottoscrittori che acquisteranno una quota da 50 euro.

Attualmente in Italia nessuna società ha una componente, parziale o totale,  di azionariato popolare, anche se una simile iniziativa è già partita a Venezia e Modena.

Fonte: Fedelissimo Online