Ciurria: “Segnare al Franchi è un’altra cosa. Restare a Siena? Perché no”

Chiamarsi bomber – “Non lo sapevo neanch’io di esser goleador. Sono contento per la vittoria, ci dà fiducia, il gol viene dopo. Segnare in casa è un’altra cosa, senti i tifosi che gioiscono, segnare a Siena è più bello”.

Gol di destro – “Io che segno di destro? Sono sorpreso anch’io (ride, ndr). Scherzo ovviamente. Ho visto che si è aperto il difensore, ho fatto quel movimento e l’ho messa sul primo palo. L’inserimento è una delle mie forze. E’ stato anche bravo Ale ad appoggiarla di prima. Adesso andiamo carichi ad Olbia. Mettiamo in campo quello che abbiamo messo oggi e giochiamo fino al 90’, poi i calcoli li faremo alla fine”.

Viterbese – “Di fronte avevamo una grande squadra che è in zona alta, siamo calati di ritmo e ci hanno punito. E’ stata una grande prova di squadra, non abbiamo mollato fino all’ultimo. Era da vincere in tutti modi, sennò andavamo in delle zone che non meritiamo”.

Futuro – “Io sono disponibile a restare, vediamo la società cosa decide. Sto cercando di dare il 100% e mi trovo bene, quindi perché no?”. (G.I.)

Fonte: Fol