Ci scrive Donatella Lusini

Questo il mio omaggio alla gloriosa Robur