CHIESA: “CON SIENA SOLO UN ARRIVEDERCI”

Il  bomber Enrico Chiesa indimenticato ex della Robur ora al Figline, ha risposto alle domande dei visitatori del sito www.gol.com noi ve ne riportiamo alcune in cui parla della sua esperienza in maglia bianconera.

 

Gigi, Crotone
Ciao Enrico, perche’ hai scelto proprio Figline? Cosa ti ha convinto? Quali sono le ambizioni? Grazie, ciao
 
Perché a 38 anni è arrivato il momento di pensare al futuro. A Siena è finita una favola fatta di grandi successi, di salvezze che hanno lo stesso valore di uno scudetto. Come sono arrivato a Figline? Sono stato contattato da un amico, che mi ha fatto conoscere Dino Caruso e… eccomi qua. Sono davvero molto felice della scelta che ho fatto, qualcosa che mi servirà per il futuro e che mi consente di emozionarmi ancora. Ho due anni di contratto, siamo primi in classifica al primo anno tra i prof e ho la possibilità di ricoprire un certo ruolo più avanti nel tempo…

 

Gianni, Siena
Ciao, volevo chiederti se non ti è dispiaciuto nn giocare l’ultima partita del campionato scorso con il Siena, anche per il solo fatto di non poterti gustare l’ultima partita in serie A della tua grandissima carriera? Se io dovessi fare un rimprovero a Beretta (lo considero uno dei migliori allenatori italiani in cirolazione) sarebbe proprio quello di non averti fatto giocare l’ultima partita visto che,anche se non rientravi nei suoi piani, il Siena era già salvo!
 
Ciao Gianni! E grazie per la tua domanda che mi permette di chiarire una cosa molto importante: sono io ad aver scelto di non voler giocare l’ultima partita. Sono fatto così, non lo trovavo giusto. Non avevo giocato mai negli ultimi quattro mesi e quindi mi sembrava fuoriluogo giocare solo per fare “il giro di campo”. Ho deciso di salutare tutti attraverso una bella serata con i componenti dell’Enrico Chiesa Fan Club di Siena, mi sembrava giusto farlo così. Anche perché, il mio a Siena è stato un “arrivederci”, non un addio…

 

Antonio, Siena
Sei rimasto nei cuori di noi senesi, grande Enrico. Ti chiedo: farai l’allenatore una volta appese le scarpette al chiodo?

Le mie intenzioni, oggi, sono queste. E se sono venuto qui al Figline è perché mi piace stare sul campo. Prima però vorrei vivere quest’avventura da calciatore. Poi chi vivrà vedrà…

Gianni, Siena Robur
Enrico Chiesa! Enrico Chiesa! Il fatto che tu non sia rimasto dipende dall’arrivo di Marco Giampaolo? Che pensi dell’allenatore della Robur?

No, assolutamente. La scelta di finire la mia esperienza a Siena è arrivata dopo cinque anni bellissimi. Da quando è venuto a mancare il presidente De Luca e la società si è riorganizzata diversamente, avevo già iniziato a maturare questo tipo di decisione. Magari ci fosse ancora De Luca, sarei ancora in bianconero. Per questo non va associato il mio saluto all’arrivo di Marco Giampaolo. La mia decisione era già presa. Cosa penso del mister? Non lo conosco di persona, ma le persone che mi parlano di lui, lo fanno in maniera molto, molto positiva..
.