CHE STRANA CITTA’ E’ LA NOSTRA!!!

Non abbiamo mai creduto a presunti complotti anti-Siena in atto nella nostra città.

Al contrario, crediamo che lo sforzo del Monte dei Paschi in  questi anni sia stato notevole a dimostrazione dell’assoluta volontà di contribuire attivamente ai successi dello sport più seguito (e di gran lunga) nella nostra città.

Al tempo stesso, però, in questo momento di crisi di risultati, dettata in gran parte dalle cessioni non supportate da acquisti di pari valore, ci stordisce l’assordante silenzio proveniente dalle stanze che. ..contano.

Possibile che nessuno pretenda risposte, ad esempio, dopo aver investito come sponsor milioni di euro?

E le autorità cittadine sempre vicine, almeno a parole?

Passi non farsi vedere alla presentazione del Siena da anni (al contrario di quanto accade per altre realtà sportive cittadine) ma la Robur in Serie A è una risorsa per tutta la città, come è stato ampiamente dimostrato e per questo non ci torneremo sopra.

Facciamo notare tutto questo non per spirito di polemica sterile e fine a se stesso, ma proprio per la delusione di certi atteggiamenti attuali che in passato erano stati di tutt’altro rilievo.

L’unione di tutte le componenti cittadine (banca, società, comune, tifosi) è sempre stata la nostra forza. Oggi rimaniamo solo noi tifosi a difendere certe situazione, a credere e a volere che il grande sogno di Paolo De Luca continui ancora. Dove sono andati tutti gli altri?

Non è nostro interesse fare politica, non lo abbiamo mai fatto e mai lo faremo, come sanno bene gli stessi amministratori cittadini, abbiamo sempre lavorato per migliorare e non per distruggere, al contrario di altri, ma oggi è venuto il momento di chiedere qualche spiegazione.

Visto che stiamo esaminando una situazione difficile, cercando, nel nostro piccolo, di trovare qualche via d’uscita, ci risulta altrettanto incomprensibile l’atteggiamento di alcuni mass media senesi.

Anche oggi a Genova nessun radiocronista senese era presente, così come nessun inviato della tv locale. Perché? In questo caso ipotizzare una risposta è davvero azzardato e quanto mai difficile.

Per i direttori di queste testate siamo già retrocessi, tanto da non meritare nemmeno più uno spazio adeguato per i tanti sportivi che seguono le vicende della massima squadra cittadina?

Anche in questo caso, da senesi e tifosi, ci piacerebbe sapere qualcosa e soprattutto capire il perché quanto mai strana situazione giornalistica, assolutamente inedita per una città piccola come la nostra che può vantare una squadra di calcio in serie A da ben sette anni consecutivi.

Che strana città è la nostra!!! (Antonio Gigli)

Fonte: Fedelissimo Online