CGIL NO ALLA FISES NELLO SPORT PROF.

“L’utilizzo di risorse della Finanziaria senese di sviluppo nel calcio e nel basket é del tutto improprio” – ha commentato Claudio Vigni, Segretario Generale della CGIL di Siena. “Le notizie sempre più frequenti – continua Vigni – che parlano di un coinvolgimento consistente della FISES nel capitale dell’AC Siena, da dove peraltro era già entrata e uscita con perdite, mettono in evidenza quanto la Finanziaria senese si sia allontanata dalla sua missione originaria: operare per lo sviluppo e la salvaguardia dei posti di lavoro e non per stipendi milionari”. “Pur auspicando naturalmente un grande e duraturo successo delle due nostre squadre – ha aggiunto il Segretario – credo che ciò debba essere garantito da imprenditori seri senza finalità secondarie e non da risorse pubbliche”. “Ben altre sono le priorità sulle quali la FISES dovrebbe intervenire – sottolinea Vigni – a partire dalla Calp e da Floramiata, due aziende in grave difficoltà che rischiano di avere ripercussioni occupazionali pesanti sui lavoratori che vi operano e sulle economie delle loro aree di influenza”.  “Chiederemo subito un incontro – ha concluso il Segretario della CGIL – con la FISES e con i suoi soci, Comune di Siena, Provincia, Camera di Commercio e Fondazione MPS, per ridefinire un impegno forte per il rilancio del ruolo della Finanziaria nel sostegno alle politiche di sviluppo del territorio senese”.
Fonte: cgil