Cesare Albe: “Siena ha una storia importante”.

L'allenatore Cesare Albe, che siede da 20 anni sulla panchina della Giana Erminio, alla vigilia della trasferta di Siena ha fatto un commento sul sito ufficiale della società lombarda.

“Siamo al terzo anno in Lega Pro e l’emozione non mi passa. L’anno scorso abbiamo giocato allo stadio di Padova e ho pensato a Nereo Rocco; l’anno prima a Venezia e mi tornava in mente Valentino Mazzola. In questa trasferta mi porto dietro ancora una grande emozione e non è semplice retorica. Se chiudo gli occhi e penso allo Stadio di Siena mi torna in mente un Siena-Milan di tre anni fa, quando i rossoneri vinsero 2-1 solo nei minuti finali e si aggiudicarono la possibilità di disputare i preliminari di Champions League. Per me la storia è importante! Poi bisogna smettere di pensarci e pensare invece alla partita e al modulo migliore da mettere in campo, a non trasmettere agitazione ai ragazzi, ma credo che anche per loro sia un’esperienza straordinaria.

Lo stadio che aspetto di vedere tra quelli previsti nelle trasferte di quest’anno?
Quello di Livorno! Lo stadio è intitolato ad Armando Picchi… Io tifo Milan, ma sono cresciuto nel periodo della “grande Inter” e Picchi, insieme a Suarez, è stato l’artefice di quel sogno. Io vedevo Picchi allenarsi a San Pellegrino agli ordini di Herrera e sono certo che, se non fosse scomparso prematuramente, sarebbe diventato un grandissimo allenatore”.

Fonte: Fol