CENTO VOLTE BIG MAC E NON SOLO…

Massimo, Massimo, Massimo’. Massimo, il gladiatore, Massimo il senatore, Massimo Maccarone, Big Mac, come lo chiamavano in Inghilterra. Un giocatore che in campo dà tutto, che non si risparmia, che ci mette la faccia, per dirla nel loro gergo. I rigori li sbaglia, ma di gol ne fa tanti (e speriamo che quest’anno ne faccia anche di più dell’anno scorso). Importanti certo, nella mente di tutti la magistrale punizione che fece affondare l’armata viola. Istantanea di una carriera che lo ha visto cento volte indossare la maglia della Robur. Un traguardo importante, che i Fedelissimi hanno voluto esaltare con una cena in suo onore. “Una serata dedicata a un giocatore che ha fatto la storia del Siena negli ultimi anni e che con le sue reti ci ha fatto vivere grandi gioie”. Spiega così Nicola Natili, la cena di ieri sera. “Ma c’è anche un altro messaggio che vogliamo mandare da questa sede – aggiunge Natili -. Che abbiamo fiducia in questa squadra perché se la merita. Che abbiamo fiducia in questa società perché se la merita. Che abbiamo fiducia in questo allenatore perché se la merita. Sempre nel rispetto delle idee di tutti, dobbiamo smetterla di andare sempre a cercare il pelo nell’uovo, su ogni singola cosa o episodio. Possiamo uscire da questa delicata situazione soltanto sostenendo la squadra. Quando si vince siamo bravi tutti”.
Un doppio motivo per ritrovarsi, quindi. Ma solo un obiettivo: il bene della Robur, e di chi tiene in alto, dal campo, i colori della Balzana. (Angela Gorellini)

Fonte: Fedelissimo on line