Cavallo: “A Siena tre anni splendidi. Anna Durio è una garanzia”

Ad Antennaradioesse è intervenuto Luca Cavallo, ex giocatore della Robur. Queste le sue dichiarazioni:

Siena – “Ho passato tre anni alla Robur molto belli, fatti di vittorie e salvezze incredibili. Porto tutti nel cuore, è stata una parentesi della mia vita calcistica molto importante. Sono tornato a Pasqua. Ho ancora i parenti di mia moglie. E’ tanto che non vengo allo stadio”.

Il ricordo più bello – “La festa salvezza dopo il gol di Scalzo dopo il girone di ritorno strepitoso, ci davano per retrocessi, quello è stato il vero miracolo di Siena. E dopo quell’entusiasmo abbiamo vinto il campionato l’anno dopo. Eravamo un gruppo sano, vero, le cose brutte rimanevano nello spogliatoio e lottavamo l’uno per l’altro. Altre squadre erano più blasonate di noi”.

Rapallo – “Ha fatto una prima parte di campionato così così e poi si è ripreso alla grande. Anna Durio è una garanzia, è la presidentessa giusta per tornare in categorie importanti, che sono quelli che Siena merita”.

Spal – “Ha fatto un gran campionato. Per la sua storia, merita questi palcoscenici. Sono stato là un anno e mezzo senza l’entusiasmo di Siena, erano anni difficili e la città era lontana dalla squadra, ma si respirava aria di calcio”.

Le genovesi – “Il Genoa si è salvato, la Samp ancora no, ha più difficoltà societarie. Preziosi tra alti e bassi ha sempre fatto bene, ma soprattutto hanno un grande allenatore che fa la differenza”.

De Luca – “Posso parlare solo che bene di lui. Ci ha fatto vivere un sogno. Mi rimane il rammarico dopo la conquista della A, sono andato via per qualche problemino, non economico. Con Papadopulo non c’era più il feeling che avevamo avuto gli anni prima”.

Il futuro – “Vorrei fare l’allenatore. Mi piace allenare, ho creato una scuola calcio, alleno i bambini ed è stupendo ma ho voglia di tornare negli stadi e ritrovare le pressioni giuste. Mi manca quel calcio, lo stadio pieno, i fischi, gli applausi che fan parte della nostra vita di calciatori”. (Giuseppe Ingrosso)

Fonte: Fol