Causarano: “In Italia siamo all’avanguardia sui controlli”

Andrea Causarano, medico sociale dell´Ac Siena, a Radio Sportiva parla delle visite di idoneità e dei controlli cui sono sottoposto gli sportivi per analizzare questo aspetto della prevenzione degli atleti nel giorno del lutto per Morosini: "La normativa italiana è una di quelle più all’avanguardia: siamo stati i primi a fare accertamenti ampi su dilettanti e professionisti, questi ultimi sottoposti ad accertamenti semestrali. Ci sono però situazioni quasi impossibili da scovare e scongiurare nonostante tutto: siamo all’avanguardia nella prevenzione, anche se spesso nella nostra frenesia e ansia di recuperare prima i calciatori tendiamo a trascurare eventi magari banali come forme virali sui quali bisognerebbe andare più cauti. Si può sempre migliorare ed ampliare il ventaglio delle indagini diagnostiche, restiamo però un modello che viene seguito dalle altre Federazioni. Si gioca troppo? Capisco l’amarezza e la disperazione del momento, però l’atleta ha una allenamento che permette di sopportare sforzi ripetuti in pochi giorni. Certo sta ai medici delle società capire se alcuni giocatori possono andare incontro a problemi di sovrautilizzo. Le ultime tragedia in pochi giorni sono  una tragica fatalità, però non abbassiamo la guardia".
Fonte: Tuttomercatoweb