Caso Pianese: l’arbitro espelle il giocatore sbagliato, ma il giudice punisce il vero colpevole

Tutto succede al 10’ di Cannara-Pianese: l’assistente Siracusano alza la bandierina, richiama l'attenzione dell'arbitro Russo che, dopo un breve colloquio, si avvicina al nr 10 della Pianese, Zini, mostrandogli l cartellino rosso. Espulso per aver colpito un avversario! Fin qui niente di strano, se non che a commettere il fallo non è stato Zini, bensi il nr 8 Ghini. Inutili le proteste, il rosso rimane.

La Pianese ha preannunciato il ricorso, ma nel frattempo il Giudice Sportivo stila la lista dei cattivi e rifila tre giornate di squalifica al vero colpevole, “per avere, a gioco in svolgimento ma con il pallone lontano, colpito un calciatore avversario con un pugno alla schiena”.

Davanti a questo ci si aspettava l’ammissione dell’errore arbitrale, con conseguente ripetizione della partita, ma al momento questo non è avvenuto. Probabilmente il Giudice ha visionato un filmato fermando Ghini, ma senza l’ammissione dell’errore da parte dell’arbitro o dell’assistente, non può annullare e far ripetere la partita.

Fonte: FOL