Caridi: 17 punti da recuperare sono tanti, ma dobbiamo risalire la classifica

Gaetano Caridi, vice allenatore del Siena, ha rilasciato un’intervista ad Angela Gorellini de La Nazione. Riportiamo qualche passaggio, dal ritorno a Siena alla prossima partita.

«Quando Alberto mi ha chiamato per ripartire ero contento, lo ero tantissimo. A Siena ci eravamo trovati bene, poi per chi è abituato a stare sul campo è dura rimanere a casa, anche se devi sempre aggiornarti. Il mister ha deciso così: non me lo aspettavo, ma in cuor mio lo speravo. I ragazzi li seguivamo anche da fuori, con qualcuno ci sentivamo, con Alberto ogni giorno. Riprendere dopo un mese non è stato facile, siamo partiti, come tutti sapete, tra mille difficoltà, ma siamo riusciti a creare qualcosa di ‘normale’ grazie al lavoro. I risultati stavano andando bene, poi è arrivato lo stop. Al ritorno non è stato facile riattaccare la spina, tutto sommato il bicchiere è mezzo pieno: fa piacere che alcuni dei ragazzi si stiano mettendo in mostra, uno dei nostri compiti è anche valorizzare i giovani. Recuperare 17 punti in 13 partite sono tanti, è vero che nel calcio non si sa mai, ma non possiamo prenderci in giro. Dobbiamo andare avanti di partita in partita, cercando di cogliere il meglio da ogni singolo incontro. in questo campionato ogni partita è dura a maggior ragione la prossima che arriva dopo una sosta. Abbiamo già iniziato a studiare il Grassina: pur essendo in difficoltà gioca bene, ha delle idee. Serviranno la testa giusta e con il giusto atteggiamento».

Fonte: FOL