Calciopoli: per La Stampa, nella stagione 2005-2006, lo scudetto al Chievo e il Siena in UEFA

Uno dei tormentoni che hanno accompagnato i primi anni del Siena in serie A è stato quello che voleva la vecchia Robur legata a doppio filo a Luciano Moggi e alla GEA.

Nelle due inchieste su calciopoli, quella che è costata la serie B alla Juventus e quella attualmente in corso, risultano coinvolte ben undici società e tra queste non c’è il Siena.

Nell’ordine troviamo Juventus, Inter, Roma, Milan, Fiorentina, Lazio, Palermo, Udinese, Cagliari, Reggina e Bologna.

Le cose sono due: o la Robur non era legata alla GEA, come per anni è stato detto, o chi ha tenuto i rapporti, ove ce ne fossero stati, è stato molto abile.

Il quotidiano La Stampa ha ricostruito la classifica della stagione 2005-06 escludendo dalla classifica tutte le società coinvolte nel primo e nel secondo filone di calciopoli.

“Calciopoli, la minoranza senza ombre: Chievo campione d’Italia”, così titola il quotidiano torinese che scrive:

 

<Nelle intercettazioni allegate a Calciopoli 1 e Calciopoli 2 figurano bel 11 società che parlavano con i designatori.

Escludendo queste società dalla classifica, il campionato 2005-06 avrebbe visto:

Chievo campione d’Italia

Livorno, Parma, Empoli e Ascoli in Champions

Sampdoria, Siena e Messina in Coppa Uefa

Di questa minoranza senza ombre, parla Riccardo Garrone, presidente della Sampdoria: "A volte mi chiedo come mai certe intercettazioni siano state trascurate".>

Fonte: Fedelissimo Online