Calciomercato: cosa dicono i quotidiani senesi

Tante trattative, tante voci, per il momento nessuna ufficializzazione in entrata nel mercato del Siena. Stefano Antonelli sta lavorando a diverse opzioni, ma la settimana degli annunci dovrebbe essere "solo" la prossima. Per quella in corsa ancora altre ufficializzazioni in uscita, sebbene si tratti di operazioni messe in qualche modo già in preventivo nei giorni e nelle settimane scorse.
Pozzi: Oggi potrebbe essere il giorno di Nicola Pozzi, anche se sull'attaccante blucerchiato si sarebbe portato anche il Torino (offerto Meggiorini). La punta potrebbe arrivare con la formula del prestito secco, anche se difficilmente l'operazione si chiuderà prima di domenica, giorno di Siena-Samp. Del resto Pozzi è attualmente infortunato e non potrebbe comunque essere in campo.
Altri arrivi: Detto di Pozzi, il Siena è comunque a caccia di un'altra punta. Anche se dovesse rimanere Paolucci, infatti, l'attacco va rimpinguato, vista anche la probabile cessione di Bogdani. Piace Dybala del Palermo, si continua ad attendere la decisione dell'Inter per Livaja, inserito in un primo momento nella trattativa con l'Atalanta per Schelotto. Attenzione continua anche su Perbet del Mons e su Brienza del Palermo, trattative queste ultime che appaiono più complicate. A metà campo potrebbe arrivare Calello della Dinamo Zagabria.
D'Agostino: Gaetano D'Agostino oggi dovrebbe diventare un giocatore del Pescara. Ieri è arrivato l'ok del giocatore all'operazione, definita del resto da qualche giorno. Il centrocampista cambia casacca con la formula del prestito fino a giugno, con diritto di riscatto obbligatorio, però, in caso di salvezza del Pescara. In ogni caso il Siena si alleggerisce di un ingaggio pesante, per un elemento che, in un anno e mezzo di bianconero, non è quasi mai stato decisivo. Ufficiale, intanto, anche l'addio di Campos Toro, che torna all'Udinese, cessione questa definita fin da prima di Natale.
Cessioni: Ricapitolando: Martinez, Campos Toro, D'Agostino, Calaio, Larrondo, Rodriguez e Zè Eduardo (non c'è l'accordo con il Vasco de Gama, ma il brasiliano non tornerà a Siena, visto che non rientra nei piani bianconeri). Il Siena ha sfoltito notevolmente la rosa. Restano in lista d'attesa Mannini, che piace al Chievo e Bogdani, che piace a Varese e Vicenza, mentre c'è un interessamento dell'Atalanta per Contini e Del Grosso, Verre potrebbe andare alla Reggina. In realtà, però, da qui alla fine del mercato la cessione che potrebbe cambiare gli equilibri sembra essere quella di Neto: per il difensore la Robur continua a chiedere otto milioni di euro. Il Napoli, per limare la cifra, offrirebbe Uvini, per Neto avrebbero bussato alla porta della Robur anche Genoa e Juventus. (Corriere di Siena)

Sono ore decisive per chiudere la trattativa con la Sampdoria che dovrebbe portare Nicola Pozzi al Siena. Antonelli avrà nella giornata odierna un nuovo incontro con la dirigenza blucerchiata e potrebbe consegnare a Iachini il primo gradito rinforzo per l'attacco. Se l'accordo non dovesse essere raggiunto se ne riparlerà domenica, approfittando proprio della sfida con la Sampdoria, e l'annuncio potrebbe slittare ad inizio settimana prossima. La Robur punta al prestito secco e avrebbe rifiutato la proposta della Sampdoria di avviare uno scambio con Contini ad Angelo. L'operazione alla fine dovrebbe andare in porto, nonostante la concorrenza del Torino, a caccia di una punta da affiancare a Bianchi.
Gli altri nomi per il reparto avanzato sono ancora quelli di Livaja, che potrebbe arrivare in prestito dall'Inter via Atalanta, nel caso in cui gli orobici cedessero alle lusinghe di Moratti per Schelotto, e Dybala. Il Palermo però, prima di privarsi del talentuoso argentino, cercherà di perfezionare l'ingaggio di un nuovo attaccante, altrimenti non farà partire Dybala. Sempre aperta la pista che porta al francese del Mons Perbet, per il quale Antonella ha speso importanti parole di apprezzamento. Sembra molto complicato, invece, vincere le resistenze di Caracciolo, che vuole chiudere la carriera al Brescia, a trasferirsi in bianconero e difficilmente la Lazio acconsentirà a privarsi di Kozak.
La definizione del passaggio di D'Agostino al Pescara consente al Siena maggiore spazio di manovra anche a centrocampo. In cima alla lista di Antonelli, con Olivera ormai destinato al Genoa, ci sono Nicolas Viola del Palermo e l'argentino Calello della Dinamo Zagabria. Più complicata la pista Foggia, chiuso alla Lazio, ma per il quale l'ostacolo principale è rappresentato dall'elevato ingaggio. Resta vivo anche l'interesse nei confronti di Brienza, ma rimane da capire se il Palermo vorrà davvero privarsi del suo prezioso jolly che Gasperini ha schierato titolare anche nell'ultima di campionato. Continuano, poi, ad essere accostati al Siena nomi di portieri, dopo la partenza di Campagnolo. Nei giorni scorsi Guarna dell'Ascoli e Dossena dell'Empoli, nelle ultime ore la giovane promessa polacca Skorupski, classe 1991. La sensazione, però, è che per il ruolo di vice Pegolo si darà fiducia a Farelli, che ha sempre dimostrato di meritarla quando è stato chiamato in causa. Due acquisti per la Robur a gennaio potrebbero rivelarsi anche Terzi e Vitiello, ancora in attesa che il Tnas esamini il loro ricorso contro la pesante squalifica. Per l'udienza era stata proposta la data indicativa del 14 gennaio, ma nessuna conferma è stata data ai due calciatori, che continuano ad attendere comunicazioni ufficiali in merito al giorno in cui potranno presentarsi di fronte al Tribunale Nazionale di Arbitrato per lo Sport.
Su Neto, nonostante l'inserimento della Juve, che sembra voler far concorrenza a Napoli e Zenit San Pietroburgo, appare ancora in vantaggio il Genoa di Preziosi. Il Siena spera in un'asta al rialzo e non si muove dalla sua prima richiesta: 8 milioni di euro. Per Angelo, oltre che la Sampdoria, avrebbe effettuato un sondaggio anche il Palermo, ma Iachini non sembra intenzionato a lasciarlo partire. Su Contini prosegue il pressing dell'Atalanta, interessata anche a Del Grosso, mentre Bogdani è conteso da Vicenza, Varese e Reggina. Il club calabrese continua a seguire Verre che, chiuso nella Robur, potrebbe andare a cercare spazio in serie B. E' ufficiale, intanto, il ritorno del cileno Campos Toro all'Udinese. (La Nazione)