Calciomercato: cosa dicono i quotidiani senesi

Comincia a diventare caldo il mercato del Siena: questa settimana potrebbe sancire due addii (Larrondo e Calaiò), vedremo se Stefano Antonelli e la società bianconera porteranno a casa anche qualche operazione in entrata. In ogni caso la Robur pare molto attiva, sia in entrata che in uscita. Le priorità per Giuseppe lachini sono quelle soprattutto di rinforzare l'attacco, anche dal punto di vista numerico viste le cessioni messe in cantiere. Qualche modifica potrebbe esserci anche in mezzo al campo, mentre la difesa dovrebbe rimanere sostanzialmente quella di adesso, in attesa anche del pronunciamento del Tnas del 14 gennaio su Roberto Vitiello e Claudio Terzi, per i quali si spera in un annullamento della squalifica per il calcio scommesse.

Difesa: La questione Neto è per il momento congelata. Il Siena chiede otto milioni di euro, la società che si è fatta avanti in maniera più concreta è il Napoli, che però si guarda intorno e guarda anche a quello che potrebbe accadere in caso di eventuale sconto di squalifica per Cannavaro. Se Neto dovesse andare via da Napoli potrebbe arrivare il nazionale under 20 brasiliano Uvini, magari in prestito. Per il resto non ci dovrebbero essere grandi sconvolgimenti, con la possibilità semmai di qualche partenza (Belmonte o Dellafiore).

Centrocampo In mezzo al campo piacciono Olivera e Della Rocca della Fiorentina, che potrebbero entrare nell'affare Larrondo. Due giocatori che hanno però diversi contendenti. Gaetano D'Agostino è invece ad un passo dal Pescara, oggi potrebbe essere il giorno dell'annuncio ufficiale. Ieri a. Roma c'è stato un vertice e la società abruzzese ha incassato il via libera dal procuratore del centrocampista, Paolo Rodella. Il nodo da sciogliere riguarda il Siena che vuole cedere il giocatore in prestito con obbligo di riscatto per 2milioni di euro in caso di salvezza. Il Pescara potrebbe cedere al Siena alcuni giocatori e risolvere così anche la questione dell'ingaggio (800mila euro). Inoltre possibili partenze di Mannini o Coppola.

Attacco: Ilreparto che subirà più cambiamenti è l'attacco. Calaiò andrà a Napoli: l'operazione ha subito un rallentamento, ma si farà: può darsi che si concluda anche in questa settimana. Stesso discorso per Marcelo Larrondo: si va verso la comproprietà, con la. Fiorentina, con i viola, come detto, pronti ad offrire Della Rocca e Olivera. Il reparto subirà anche l'uscita di Paolucci, destinato alla serie B (probabilmente a. Grosseto) e dunque Antonelli deve stringere per qualche arrivo. Il sogno si chiama Barreto dell'Udinese, attenzione anche a Pozzi della Samp, mentre complicata la pista Caracciolo del Brescia. Poi un giovane: da Livaja dell' Inter a Nico Lopez della Roma. Non sembra praticabile la pista che porta a Zarate della Lazio, ma su questa operazione se potranno esserci sviluppi arriveranno solo negli ultimi giorni del mercato. (Corriere di Siena)