CALAIO’: E DOPO LA A PUNTIAMO DRITTI AL PRIMATO

 

Emanuele Calaiò: “Siamo felicissimi, lo avete visto tutti quanto abbiamo festeggiato. Ora dobbiamo rmboccarci le maniche e rimetterci al lavoro perché vogliamo arrivare primi. Io, come i miei compagni, voglio onorare questa maglia fino alla fine. Non mi è mai importato fare tanti gol, ma sono contento delle mie 15 reti per le quali ringrazio i miei compagni che mi hanno messo in condizione di realizzarle. Il mio primo obiettivo è sempre stato il bene della squadra, Grazie ai tifosi che si meritano questa gioia. Avevo dietto di voler festeggiare la promozione in casa, magari con un’altra doppietta. Così è stato. E’ tutta un’altra cosa raggiungere un traguardo così importante nel tuo stadio con 10mila persone che nutrano tanto affetto per la squadra. Ci è dispiaciuto non festeggiare con un’altra vittoria, ma il forcing del Torino, alla fine, ha portato i suoi frutti. Siamo felici lo stesso. La mia evoluzione? Conte ha un modo di giocare diverso dagli altri, quest’anno mi sono calato nella mentalità di difendere, giocare dietro alla punta e fornire assist ai compagni. Sono contento di aver dato una mano alla squadra anche in fase difensiva e aver aiutato gli altri attaccanti. Ora, se dovesse arrivare qualche altro gol ben venga, al prossimo anno ci penseremo a luglio. Il direttore e il presidente sono certo costruiranno la rosa giusta per una salvezza tranquilla, io darò una mano alla squadra come ho sempre fatto. La mia dedica? E’ per la mia famiglia, per la squadra e per lo staff, per tutti gli addetti ai lavori, per i tifosi, perché se lo meritano. Per chi mi vuole bene e mi circonda”. (Angela Gorellini)

Fonte: Fedelissimo on line