CALAIO’ E COPPOLA: UN’EMOZIONE FESTEGGIARE CON I TIFOSI

 

 

Emanuele Calaiò è ormai abituato alle cene con i tifosi bianconeri. Vive a Siena da tre anni. Per Ferdinando Coppola ieri sera il battesimo. C’è sempre una prima volta, dopotutto. Entrambi sperano, però, che non sia l’ultima… “Vorrei che alla fine di questo campionato potessimo festeggiare tutti insieme qualcosa di davvero importante – ha detto l’Arciere -. Noi, in campo, ce la metteremo tutta perché ciò avvenga. E’ sempre un’emozione partecipare a serate come questa: è rimanendo uniti che si raggiungono i traguardi”. “A queste cene sono abituato – ha proseguito il bianconero -, ma ogni volta è bello. A Siena, non finirò mai di ripeterlo, sto bene e darò, insieme ai miei compagni, perché è lo spirito di gruppo che farà la differenza, tutto quello che posso dare come ho sempre fatto”. Alle parole seguono i fatti: Calaiò rimarrà in bianconero fino al 2014. “Sì, è una cosa che verrà definita a giorni – ha ammesso -: la mia volontà è vestire questa maglia ancora per tanto tempo, perché a Siena sto bene, la mia famiglia a Siena sta bene e prolungare il contratto è quello che voglio. Il mercato? Sono arrivati due ottimi giocatori. Non ci aspettavamo un attaccante, nessuno ne aveva mai parlato. Ma bene così, Brienza è un ottimo elemento e ci darà una grossa mano per raggiungere la serie A”.
Foto con i tifosi e soprattutto con le tifose, una stretta di mano e nuove conoscenze, applausi tutti per lui: ecco il debutto di Ferdinando Coppola. “Sono molto contento di essere qua – ha detto il portiere -. E’ stato emozionante vedere certe immagini che fanno parte del passato. Spero, anche io, di entrare come questi giocatori del passato, nei vostri cuori”. E poi scherzando. “Vi chiedo di reggere di cuore il sabato – ha sorriso -, quando facciamo certi passaggi… Non ho i piedi di Calaiò, ma me la cavo…”. “Il mercato – ha concluso -? Un grosso in bocca al lupo a chi ci ha lasciato e un benvenuto a chi è arrivato. Brienza e Valdez verranno accolti nel migliore dei modi. Non che le voci di possibili arrivi o partenze ci abbiano mai condizionato, ma finalmente si è chiusa anche questa parentesi. Adesso testa bassa e pedalare, ci aspetta un lungo campionato da vincere. E domenica giocheremo il nostro primo derby: non vogliamo certo fallire”. (Angela Gorellini)

Fonte: Fedelissimo on line