Calaiò verso la maglia da titolare.

Doppia seduta di allenamento ieri per il Siena, in vista della trasferta di domenica a Cagliari. La squadra ha effettuato un lavoro al mattino, poi di nuovo al lavoro alle ore 20 per adattarsi al clima di domenica, quando si giocherà ancora alle 20,45. Seduta a parte per Rosi e Larrondo, qualche problemino per Brandao, alle prese con un fastidio agli adduttori che comunque non desta particolari preoccupazioni. Lo staff diretto da Giampaolo ha già cominciato ad indottrinare il gruppo sugli schemi tattici e sui movimenti da adottare nella gara di domenica contro il Cagliari. Probabile conferma dello schema 4-3-1-2, possibile qualche modifica nell’undici di partenza. Novita’ Teoricamente si dovrebbe ripartire dall’undici sceso in campo contro il Milan, anche se Calaiò rappresenta una valida alternativa in attacco: smaltita la giornata di squalifica (così come Garofalo), l’ex partenopeo si propone per una maglia da titolare. Il “nodo” tattico principale sembra però essere legato al trequartista. Il tecnico potrebbe scegliere di schierare in quel ruolo Jarolim, come sabato contro il Milan, oppure sistemare in quella posizione Fini. Oppure ancora Ghezzal, per un Siena a trazione anteriore. In questo momento difficile pensare invece ad una variazione tattica. Del resto Rosi, che potrebbe giocare anche da esterno alto in un ipotetico centrocampo a quattro, non è ancora disponibile per problemi ad una caviglia. Una settimana in più Il gruppo avrà una settimana di lavoro in più nelle gambe, quindi è evidente che i nuovi avranno la possibilità di “affinare” il loro rapporto con schemi e idee di Marco Giampaolo. Inoltre alcuni giocatori, come Parravicini, potranno migliorare la loro condizione fisica (il centrocampista è stato il primo infortunato della stagione). Insomma questa settimana è un’ulteriore tappa di rodaggio del “cantiere” Siena. La gara a Cagliari si giocherà alle 20, 45, ma la temperatura sarà ugualmente elevata. Un aspetto che lo staff tecnico sta valutando, visto che la seconda seduta di oggi è in programma alle ore 20 sul campo di Colle val d’Elsa: un modo per abituare il gruppo alle condizioni climatiche di domenica, peraltro già vissute sabato contro il Milan. Campo caldo I sardi vengono da pari positivo sul terreno del Livorno, in casa hanno costruito la salvezza dello scorso anno e Allegri è, come Giampaolo, un tecnico in ascesa. Senza Acquafresca hanno perso qualcosa in avanti, ma rimangono una formazione agguerrita e difficile da affrontare. Farà caldo, insomma, al di là del termometro, ma il Siena è pronto a incamerare i primi punti della stagione (Alessandro Lorenzini)
Fonte: Corriere di Siena