Calaiò-Napoli: le parole sulla vicenda

Calaiò-Napoli, da giorni si rincorrono le voci su un possibile interessamento da parte della società partenopea per il numero 11 bianconero. Ma se l’interesse appare certo, le reazioni dei diretti interessati sono variegate. Si va infatti dall’agente, che dichiara come non si possa dire no al Napoli, ad Antonelli che nega addirittura il contatto, fino a Valentina Mezzaroma, che declina l’offerta, respingendola al mittente. Di seguito comunque le parole degli interessati:

Umberto Calaiò, fratello e procuratore di Calaiò: “Emanuele sta benissimo a Siena ma, come ha detto il dg del Siena Antonelli, se arrivasse un'offerta importante, il calciatore la prenderebbe in considerazione. C'è un feeling a distanza tra Calaiò e il Napoli. Prima di Natale capiremo se ci sarà la possibilità per spostare il mio assistito in un'altra squadra. Certo, se dovesse bussare il Napoli, non si potrebbe dire di no. La valutazione del giocatore, a gennaio, è sempre più alta rispetto a luglio. Poi, non dimentichiamo è stato il Napoli a venderlo al Siena per cui la valutazione data cinque anni fa, di un ragazzo di 26 anni è stata intorno ai 3 milioni".

Stefano Antonelli: “Calaiò a Napoli? Che Emanuele sia accostato a squadra importanti come il Napoli credo sia giusto. Che ci sia in atto una trattativa per portarlo in azzurro, non è vero. Il dato certo è che il Siena non può fare a meno di Calaiò. L'attaccante, insieme a Vergassola, rappresenta un po' tutto ciò che stiamo facendo a Siena ed è difficile pensare che ci priveremo di un calciatore del genere. Nel calciomercato non c'è nulla di certo ma nelle idee, ad oggi, non ci è mai passato per la testa di dare via Calaiò. Ad oggi questa eventualità quindi non esiste. A fronte di un'offerta importante ci si potrebbe pure ragione ma poi faremmo fatica a trovare un'alternativa a Calaiò. Dico che il rapporto qualità-prezzo è sproporzionato. Emanuele è fondamentale per il Siena dentro e fuori dal campo. Il calciatore si è calato nella realtà di un campionato estremo, sta prendendo tutti per mano e questo per noi è fondamentale".

Valentina Mezzaroma: “Calaiò al Napoli? Rimarrà assolutamente con noi. Sono voci assurde”

Ed infine a chiusura riportiamo quanto uscito sulla rete riguardo al ruolo di Calaiò, e ad un suo possibile inserimento nella rosa di Mazarri: “Quello di Calaiò non sarebbe propriamente l'identikit di punta che Mazzarri avrebbe segnalato alla dirigenza. Il Napoli inoltre, vorrebbe puntare su elementi più giovani e desiderosi di riscatto, quale potrebbe essere Robert Acquafresca. E se proprio si volesse puntare su un calciatore già affermato, il tecnico del Napoli preferirebbe Rolando Bianchi, per averlo già avuto alle proprie dipendenze con la Reggina”.

Gennaio è ad un passo, e come si apprende oggi, il Napoli (o forse il Siena???) vorrebbero inserire nella trattativa anche D’Agostino. Ad Antonelli e alla società il tempo per scegliere e decidere. Ma se al momento c’è bisogno di un rinforzo in attacco, se parte Calaiò (del quale si era parlato anche di rinnovo di contratto), ne servirebbe sicuramente un altro.

Fonte: Fedelissimo Online