Caccavallo: “Sappiamo di essere sotto osservazione, aspetto le decisioni della società”

Giuseppe Caccavallo ha parlato ai nostri microfoni a margine della partitella col San Quirico. Queste le sue dichiarazioni:

La stagione – “Era iniziata bene, poi ci sono state un po’ di complicazioni con l’esonero di Gilardino. Non siamo mai riusciti a trovare la quadra. Ci abbiamo messo tanto del nostro. Dovevamo dare di più noi esperti ai giovani. C’è scontento perchè i giocatori c’erano, ma quando si cambiano quattro allenatori si entra in un meccanismo mentale che chi non è all’interno non capisce. Il tifoso da fuori soffre e ha ragione, ma non può mai capire certe dinamiche dello spogliatoio”.

Bilancio personale – “Non avevo mai avuto problemi fisici in carriera. Nel girone d’andata mi sono fermato due volte, a settembre e a fine novembre, sempre per il quadricipite. Ma se in una macchina che va a diesel ci metti la benzina, quella macchina si ferma. Mi riferisco all’alternare sintetico ed erba naturale. Abbiamo avuto 35-38 giocatori fermi per stiramento. Con l’arrivo di Padalino, da gennaio, non ho più avuto infortuni tranne alla fine a Grosseto. Non giocavo per scelta tecnica. Dovevo ritrovare la condizione fisica, ma quella la riprendi giocando. Nel girone di ritorno speravo di giocare di più. Le statistiche dicono che ho fatto 4-5 partite nel mio ruolo e ho segnato tre gol costruendoli da solo”.

Futuro – “Le voci sono tante, anche noi le ascoltiamo. Spero nel meglio, la piazza di Siena merita grandi palcoscenici. Nel calcio si fanno tante chiacchiere ma bisogna vedere i fatti. Siamo fiduciosi del progetto della società, aspetteremo le loro decisioni”.

Allenamenti post-season – “Ringraziamo lo staff di Negro per questa settimana, abbiamo accettato di tornare perché siamo sotto contratto e ci siamo allenati con entusiasmo. Anche perché due mesi di stop tra una stagione e l’altra non sono il massimo. Ora c’è il rompete le righe, vedremo cosa accadrà”.

Conferme – “Non siamo nati ieri, sappiamo che questa settimana siamo stati sotto osservazione. Non so se da questi giorni dipenderà il nostro futuro. Di solito queste cose si vedono a luglio in ritiro ma magari la società voleva anticipare. Spero di ripartire con un gruppo già bello solido”. (Giuseppe Ingrosso)

Fonte: Fol