BRUTTISSIMO SIENA BATTUTO DA UN MODESTO LIVORNO

Il Siena parte subito bene, con Locatelli che pare abbastanza ispirato, ma per assistere alla prima occasione bisogna attendere ben 13 minuti, quando Bucchi spedisce a lato di un soffio un bel colpo di testa. Come recita la legge non scritta del calcio: goal sbagliato equivale spesso e volentieri a goal subìto. Al 17′, infatti, gli ospiti passano in vantaggio: è Tavano a battere Eleftheropoulos con un potente diagonale che trafigge il potere greco, non del tutto esente da colpe. Il Siena, però, ha il merito di non disunirsi e riesce a raggiungere dopo appena 60 secondi il pareggio: è Maccarone a risolvere una mischia in area livornese e a spedire il pallone alle spalle di Amelia, complice una decisiva deviazione di Grandoni. Il Livorno però non ci sta e prova a riversarsi nella metà campo senese: alla mezzora Portanova perde palla ingenuamente nel tentativo di uscire palla al piede dalla propria area: Bergvold vince il contrasto con il difensore senese e batte Eleftheropoulos da pochi passi. Gli uomini di Mandorlini impegnano Amelia con qualche tentativo dalla distanza, ma è il Livorno a trovare il goal prima del riposo. Stavolta a riuscirci è Knezevic che, sfruttando un perfetto cross di Loviso scavalca Eleftheropoulos con un pallonetto di testa e permette agli amaranto di andare al riposo con due reti di vantaggio. Nel corso dell’intervallo, Mandorlini lascia nello spogliatoio Bucchi e Grimi, mandando in campo al loro posto Corvia e Frick ed è proprio l’attaccante del Liechtenstein, appena entrato, a cercare il goal dopo appena due minuti, ma senza successo. Galloppa e Maccarone sono i più intraprendenti tra i padroni di casa, mentre Locatelli cala alla distanza e viene sostituito con Alberto. Pochi minuti dopo il suo ingresso in campo, il brasiliano pesca Corvia a centro area, ma il tentativo dell’attaccante scuola Roma, trova pronto Amelia. Camolese corre ai ripari sostituendo l’ottimo Loviso con Pavan e mandando in campo anche Rossini al posto di uno stanco Bogdani. I bianconeri continuano a cercare il goal che possa riaprire la partita, ma riescono a trovarlo soltanto nel recupero con Loria che, con un movimento da attaccante di razza, raccoglie un pallone all’interno dell’area livornese e batte Amelia con una potente conclusione. Il goal del 2-3, però, arriva troppo tardi e il Siena non ha più il tempo per provare a pareggiare. Con questa vittoria, il Livorno si porta a quota 9, appaiato a Siena, Empoli, Cagliari e Reggina, rimettendosi così in piena corsa per raggiungere la salvezza.
Foto: Nicola Natili