Brescia-Siena 2-1

BRESCIA: Sereni, Zambelli (dal 43′ st Kamalu), Mareco (dal 43′ st De Maio), Bega (dal 39′ st Zoboli), Dallamano (dal 39′ st Berardi), Budel (dal 10′ st Baiocco), Cordova, Dallamano (dal 39′ st Gorzagno), Koné (dal 32′ st Taddei), Caracciolo (dal 23′ st Feczesin), Possanzini (dal 43′ st El Kaddouri). All. Iachini
A disp.: Arcari, Kamalu, Gorzegno, Zoboli, Taddei, Feczesin, Baiocco, De Maio, Leali, El Kaddouri, Berardi
SIENA (4-4-2): Coppola; Vitiello (dal 28′ st Ficagna), Terzi (dal 41′ st Mannini), Rossettini (dal 28′ st Odibe), Del Grosso (dal 28′ st Rossi); Troianiello (dal 28′ st Pettinari), Bolzoni (dal 9′ st Marrone), Carobbio, Reginaldo (dal 14′ st Mounard); Mastronunzio (dal 21′ st Immobile), Calaiò (dal 21′ st Larrondo). All. Conte
A disp.: Farelli, Iacobucci, Cutrupi, Mannini, Odibe, Ficagna, Pettinari, Marrone, Mounard, Rossi, Larrondo, Immobile
MARCATORI: 7′ pt Mastronunzio (S), 28′ pt Koné (B), 27′ st Possanzini (B)
AMMONITI: 42′ pt Budel (per proteste)

ARBITRO: Barbiero di Vicenza (Iausco-Raimondi)

Duemila tifosi sugli spalti, praticamente tutti di fede bresciana. Anche qualche bianconero, anche se gli striscioni sono rimasti piegati. Per la Robur si tratta dell’ultima amichevole in programma prima degli impegni ufficiali e l’avversario è il più ostico. Il Brescia di Iachini, neopromosso in serie A, è squadra di livello e se anche il mercato delle Rondinelle piange, per i ragazzi di Conte è un ottimo banco di prova. Il mister bianconero ripropone il suo 4-4-2 con Vitiello e Del Grosso esterni di difesa, Rossettini e Terzi centrali. Bolzoni e Carobbio in mezzo. Calaiò e Mastronunzio come coppia d’attacco.

A parte due morbide parate di Coppola nei primi minuti la cronaca porta subito al vantaggio senese. Bellissima l’azione tutta di prima che regala al Siena l’1-0. E’ il 7′ quando Calaiò passa a Troianiello che in gran velocità crossa teso e trova Mastronunzio, pronto ad anticipare tutti e a trasformare. Al 9′ nessun problema per Coppola. Applausi per il Brescia al 11′: il vivacissimo Hetemaj, contrastato da Del Grosso, mette in mezzo, Caracciolo non ci arriva, Carobbio preferisce non rischiare e regala un angolo alle Rondinelle. Sul corner salva Coppola in uscita bassa, poi con il pugno allontana ancora lui sugli sviluppi dell’azione. Al 13′ Brescia vicinissimo al pari: in un’azione confusa in area Bolzoni salva sulla linea. Senza problemi Coppola sulla palla bassa dai trenta metro di Cordova. Brutta l’entrata di Hetemaj su Calaiò al 19′: reagisce l’attaccante, rischiando. Rapidissimo Troianiello al 21′ meriterebbe più fortuna: recupera palla, salta Cordova e Koné si accentra, cerca Reginaldo, ci mette una pezza la retroguardia bresciana.
Il pareggio delle Rondinelle arriva al 28′: Coppola in tuffo respinge il potente tiro di Possanzini dalla sinistra, sulla ribattuta si avventa il solissimo Koné, per l’1-1 bresciano. Alta sulla traversa la punizione di Budel al 31′. Grande opportunità per la Robur al 35′: Troianiello riceve da Mastronunzio e davanti a Sereni colpisce male. Sopra la traversa la cannonata di Hetemaj dalla distanza al 43′. Lo stesso alto il destro di Reginaldo dal vertice dell’area opposta. Al 44′ completamente sbilenca la rovesciata di Koné.

Dagli spogliatoi escono i soliti ventidue. Il primo pericolo della ripresa al 10′: il sinistro di Calaiò – su punizione – impegna seriamente Sereni che mette in angolo. Cala il ritmo della gara. Al 17′ bella sia la mina di Carobbio su punizione che la risposta dell’estremo difensore bresciano. Ancora protagonista Sereni al minuto successivo che dice no al colpo di testa di Terzi. Possanzini, sul ribaltamento di fronte, batte di forza Vitiello, ma nello scontro commette fallo. Al 21′ mister Conte cambia in toto il tandem offensivo: dentro Immobile e Larrondo. L’argentino e Rossettini protestano per una doppia trattenuta in area durante una punizione battuta da Carobbio. L’arbitro lascia proseguire.
Vantaggio bresciano al 27′: bella la conclusione di Possanzini che riceve da Baiocco, punta la porta e la mette nell’angolino basso alla destra di Coppola che non può arrivarci. Con la girandola di cambi alla mezz’ora è una Robur completamente diversa e più giovane. Immobile e Larrondo si cercano, ma senza fortuna. Al 43′ Marrone trova Pettinari che in girata tira al volo, ma manda alto. Quattro i minuti di recupero. Nel primo Mounard scambia con Pettinari che viene però fermato al momento del passaggio in area a Marrone. Si chiude con un angolo per la Robur: di testa Larrondo mette fuori. (Angela Gorellini)

Fonte: Fedelissimo on line
Foto: AC Siena