Beretta: Tensione, sudore e serenità per partire con il piede giusto

Con un “pizzico di tensione in più del solito per tutto quello che è successo d'estate”, il Siena si appresta a debuttare in campionato. Mister Beretta cerca di tenere basso il profilo, consapevole di quello che aspetta la sua squadra, ma non nasconde serenità, sulla base “di quanto i ragazzi hanno lavorato bene” per farsi trovare pronti all'appuntamento. Al Franchi arriverà il Crotone e il tecnico bianconero non nasconde le insidie della partita. “I rossoblù si sono salvati senza troppe difficoltà la passata stagione – ha spiegato Beretta -: l'ossatura della squadra è quella. Drago ha a disposizione un gruppo che un buon mix di giocatori esperti e di giovani, comunque avvezzi alla categoria. Non sarà facile per noi. Tutti ci attestano tra le squadre candidate alla risalita, forse per tutti gli anni passati dal Siena nel calcio dei grandi, forse perché ci presentiamo da squadra retrocessa, forse per il buon precampionato disputato, considerate le amichevoli e la Coppa Italia. E quindi daranno quel qualcosa in più per batterci: e allora anche noi dovremo dare tutto quello che abbiamo. Stiamo bene, abbiamo lavorato tanto e ne siamo consci. Ma non dimentichiamo che siamo insieme da un mese soltanto e che, mercato a parte, siamo ancora in fase di costruzione”. “Il nostro obiettivo è il mantenimento della categoria – ha aggiunto Beretta -, poi quello che verrà sarà ben accetto. Dobbiamo gettare le basi per il futuro e ragionare per micro obiettivi. Nonostante la penalizzazione che dovremo scontare siamo convinti di potercela fare, se mettiamo in campo non solo la tecnica e la tattica, ma anche il cuore, l'anima e il sudore”. Non è certo facile lavorare in un cantiere aperto… “So bene qual è la situazione – ha ammesso l'allenatore della Robur -, per adesso lavoro con i giocatori a disposizione, poi vedremo quello che succederà. Ovviamente le uscite incideranno molto su quella che sarà la nuova rosa. A seconda di chi ci lascerà, ci saranno movimenti in entrata. Terlizzi al Trapani? Non vedo perché dovremmo parlare di lui. I ragazzi stanno facendo bene e con l'arrivo di Matheu numericamente, per adesso, siamo a posto. Carlos ho avuto poco tempo per conoscerlo, ma è sicuramente un ragazzo serio e un professionista vero. Me ne hanno parlato tutti molto bene”. “Sono contento dei ragazzi che alleno – ha aggiunto Beretta -, anche i giovani stanno dando ottime risposte, hanno tutti ottime qualità tecniche e morali. Qualche strigliata l'hanno presa ma è giusto così, anche quelle servono a crescere”. Ad arbitrare l'incontro sarà Borriello. “Ah sì – ha ribattuto Beretta -? Non guardo mai le designazioni alla vigilia. Poi magari mi arrabbio dopo ma credo sia normale. Trovo solo assurdo che la regola del fuorigioco sia stata complicata ancora e questo non facilita certo il compito dei direttori di gara. Un vero peccato. Invece di semplificare le norme si complicano”. A chiamata, intanto, i tifosi hanno risposto nella maniera migliore: 4500 gli abbonamenti sottoscritti. “Non avevo dubbi – ha chiuso il mister -, conosco bene la passione che anima i nostri sostenitori e come sempre hanno capito quanto bisogno abbiamo del loro sostegno. Speriamo di toglierci insieme tante soddisfazioni”. (Angela Gorellini)

Fonte: Fedelissimo on line