Beretta: In campo contro tutte le difficoltà

“Ormai ci siamo abituati…”. Mario Beretta sorride di fronte all'ennesimo problema che si è trovata ad affrontare la Robur: la rottura del crociato di Plasmati. Questo lo spirito del tecnico alla vigilia di Bari-Siena. “Ci dispiace per Gianvito – ha spiegato il mister bianconero -. L'ho sentito dopo l'intervento, è molto più tranquillo. Il fatto che inizi subito la rieducazione è sicuramente positivo a livello mentale. I tempi per il recupero saranno lunghi. Gli faccio il mio più grande in bocca al lupo, perché lo aspetta tanto duro lavoro. La sua assenza complica un po' i piani, ma andiamo avanti, proseguiamo il nostro percorso”. I baby Rosseti e Cappelluzzo devono crescere alla svelta… “Hanno entrambi qualità – ha ammesso Beretta -: Lorenzo ne ha già dato prova. Ieri ha lavorato a parte ma non è niente di grave. Pierluigi è molto giovane, è un '96, ormai è in pianta stabile con noi, non è andato neanche al Torneo di Viareggio con la Primavera. L'importante è non caricarli di troppe responsabilità, perché hanno bisogno di seguire il loro percorso, devono anche poter sbagliare. Di fatto le uniche due vere punte in squadra sono loro. Anche altri possono adattarsi al ruolo, ma non mi piace snaturare un giocatore. Posso farlo a gara in corso, magari. Ma preferisco che ognuno possa sfruttare al meglio le proprie caratteristiche”. Anche Matheu dovrà saltare Bari-Siena. “Per sostituirlo ho tante alternative – ha affermato l'allenatore della Robur-. Da Belmonte a Morero, a Giacomazzi. Carlos questa settimana si riposerà… Serve, ogni tanto ricaricare le energie nervose e fisiche. Quando la squadra è al completo, è possibile far tirare il fiato a qualcuno, come è successo a Guillermo sabato scorso. Lui in attacco? No che non ci abbia pensato… Thomas? Si sta rimettendo in forma dopo la sosta”. Intanto i nuovi stanno entrando nella mentalità Robur… “Sì – ha spiegato il mister -, stanno iniziando a capire la nostra filosofia di lavoro e in questi giorni sono rimasti piacevolmente sorpresi nel constatare quanto si fatica qua. Sono ragazzi molto disponibili, mi sembra che la loro integrazione nel gruppo stia andando bene”. Ex della partita, Eugenio Lamanna, dovrebbe riprendere posto tra i pali… Dura togliere il testimone di mano a Farelli… “Sia in campionato che in Coppa Italia Simone ha fatto benissimo – le parole di Beretta – e siamo tutti strafelici per lui perché ha un valore tecnico assoluto ed è un ragazzo fantastico. E' l'anima dello spogliatoio. Siamo fortunati ad avere in rosa due grandi portieri. Sotto questo punto di vista dormiamo sonni tranquilli”. Bari, intanto, è alle porte… “Sono una squadra difficile da affrontare – ha chiuso -, in casa hanno sempre fatto bene, a parte la gara con la Reggina. Anche a Brescia non meritavano di perdere. Ci sono tanti giovani di qualità in rosa e per un Fedato che se ne è andato sono arrivati altri ottimi elementi come Nadarevic o Cani. L'importante è scendere in campo con la giusta mentalità e il giusto spirito. Abbiamo tutte le possibilità per fare bene”. (Angela Gorellini)

Fonte: Fedelissimo on line
Foto: acsiena