Beretta: Domani godiamocela tutti insieme

“Se non proibitiva, quasi”: Mario Beretta conosce bene le insidie della gara di domani e non si nasconde. Ma è altrettanto sicuro che la Robur, al di là di quello che sarà il risultato, “ce la metterà tutta e giocherà con coraggio e serenità, cercando di godersela”. “La Fiorentina è forte – ha spiegato il mister bianconero – è quarta in classifica e punta al terzo posto, ha una rosa di qualità in tutti gli effettivi e anche se Montella decidesse di schierare i non titolari sarebbero comunque giocatori più che all'altezza, basti pensare ad Aquilani. Il nostro obiettivo è onorare la competizione, orgogliosi di essere arrivati fino ai quarti assaporando un po' la serie A. La partita ci servirà anche per prepararci al meglio alla ripresa del campionato, la difficile trasferta di Crotone. I ragazzi stanno bene e questo è già in partenza un dato significativo”. Tutti ma non Grillo. “Fabrizio ha ripreso ad allenarsi soltanto ieri – ha ammesso Beretta -, non ce la farà. Feddal come esterno si sta comunque disimpegnando bene, sta crescendo e spero continui così. Gli altri sono tutti a disposizione. Anche io ho letto voci sulla possibile partenza di Grillo, ma non sono io che devo rispondere alle domande di mercato. Certi rumors, come è successo anche questa estate, non ci disturbano, per certi versi ci fanno anzi piacere: se i nostri giocatori sono tanto richiesti significa che hanno lavorato bene e che hanno fatto ben parlare di sé”. “Alla fine – ha poi proseguito – abbiamo sempre detto che il nostro obiettivo stagionale era la salvezza, quella sul campo e quella societaria. Se per la sopravvivenza del club, che è la cosa più importante, sarà necessario un sacrificio e quindi la cessione di un giocatore, dovremo accettarlo”. Intanto è arrivato Plasmati… “E' l'attaccante che mancava al reparto – ha dichiarato il tecnico della Robur -, ha caratteristiche completamente diverse da tutti gli altri. E' integro, ha esperienza e voglia e, come avevo chiesto, ha le qualità umane giuste per integrarsi al meglio nel gruppo”. Ma il primo acquisto del Siena, per Beretta, ha un altro nome. “Belmonte, dopo tanto, è tornato a disposizione – le sue parole -: ha già giocato con la Primavera per ritrovare il prima possibile il ritmo partita. D'altra parte sei mesi lontano dal campo non sono pochi. Ha carattere, personalità e un buon piede. Può stare nei tre dietro, fare anche l'esterno in determinate partite, e non ha problemi nella difesa a quattro: mi offre insomma diverse soluzioni”. Il pensiero del mister vola ai tifosi. “Siamo contenti che domani sera siano in tantissimi a seguirci – ha chiuso -: grazie alle prestazioni e ai risultati siamo riusciti a trascinarli e spero che sia soltanto un punto di partenza. Credo che l'impegno, a questa squadra, non sia mai mancato e che fin da questa estate, in mezzo a tante difficoltà, i ragazzi abbiano sempre dato tutto, al di là dei risultati. A Catania abbiamo dato un'ulteriore prova che questo gruppo, composto da grandi professionisti, non si lascia scalfire da niente. E sapevo che sarebbe stato così. Domani sera godiamocela tutti insieme”. (Angela Gorellini)

Fonte: Fedelissimo on line