Beretta: Classifica bugiarda, Padova trasferta ostica

Una trasferta strana, particolare, natalizia: per la prima volta i bianconeri scarteranno i regali in famiglia, saliranno sul pullman e festeggeranno tutti insieme in ritiro. Questo ha deciso la serie B e le squadre non possono che attenersi. Così tutti in campo per Santo Stefano, con la speranza di poter consegnare un dono ai propri tifosi, seppur con qualche ora di ritardo. “Porteremo un alberello con noi e staremo tutti insieme – ha sorriso Mario Beretta -. Facciamo uno dei lavori più belli, di tempo per stare con i nostri cari ne avremo. Il regalo di Natale ai nostri sostenitori, intanto, lo abbiamo fatto sabato, ma credo che un altro lo gradirebbero molto volentieri. E noi ce la metteremo tutta, pur consapevoli che non sarà una sfida facile all'Euganeo. Sorprende vedere il Padova là in fondo, considerando le qualità collettive e individuali dell'organico. Giocatori come Iori, Rocchi, Vantaggiato o Puffa, sono un lusso per la categoria. Sono sicuro che alla fine verranno fuori, speriamo dopo aver giocato contro di noi. La serie B è lunga e a una squadra basta un filotto di risultati positivi per cambiare la propria stagione”. “So che sono arrabbiati per l'ultima sconfitta a Pescara – ha aggiunto -, se l'arbitro avesse concesso quel rigore negli ultimi minuti la sfida sarebbe probabilmente finita in parità. E il pareggio al di là del punto in classifica avrebbe dato alla squadra una spinta mentale. Ma d'altra parte ognuno ha le sue dimostranze”. Anche questa volta mister Beretta dovrà fronteggiare assenze pesanti. “E' vero – ha ammesso il tecnico bianconero -. Agli infortunati di lunga data si è aggiunto anche Giannetti. Niccolò è un valore aggiunto per il Siena, fortunatamente non è niente di grave. In condizioni normali avrebbe saltato una partita sola. Con due incontri ravvicinati invece, dovrà riprendere a gennaio. Grillo? La scorsa settimana lo abbiamo lasciato stare visto quello che era successo, ma questa volta farà parte dei convocati”. “Chi giocherà ancora non lo so – ha proseguito -, per sostituire Giannetti ho diverse alternative. Rientra Paolucci dalla squalifica, ma anche Spinazzola, Thomas o Scapuzzi, che ieri si è allenato molto bene potrebbero vestire la maglia titolare”. Del regalo natalizio che la sua Robur gli ha fatto, Beretta è più che soddisfatto. “Mi avessero detto la scorsa estate che saremmo stati alla fine del girone di andata nell'attuale posizione – ha chiuso il tecnico -, avrei sottoscritto. Abbiamo fatto un ottimo cammino, senza la penalizzazione saremmo tra le prime forze del campionato. Ma oltre ai numeri siamo riusciti a valorizzare tanti giovani, da Giannetti a Rosseti, da Milos a Crescenzi e questo ci riempie di soddisfazione”. (Angela Gorellini)

Fonte: Fedelissimo on line