BENVENUTO PROFESSOR FABRIZI

“Caro Professore, Caro Pierluigi,

siamo certi che non Ti offenderai se ti diamo del tu, perché il tu è il modo nel quale ogni autentico e appassionato tifoso del Siena si rivolge a chi si riconosce, da tempo, come appartenente alla stessa famiglia di innamorati della maglia bianconera. Siccome tu ami e segui la Robur da sempre, fin da ragazzo, siccome sei veramente uno di noi, pensiamo che il saluto che ti rivolgiamo non possa essere formale. Innanzitutto ti ringraziamo per aver accettato un incarico di prestigio e anche delicato, in un momento di straordinaria importanza dell’epopea del Siena, in una fase di passaggio che si è risolta senza traumi e che è stata portata avanti da tutti gli attori con assoluta serietà e grande senso di responsabilità. Tu sai perfettamente cosa ha rappresentato Paolo De Luca per la Robur. Ci ha abituati al raggiungimento di grandi traguardi e di, forse insperati, successi. Dopo quattro stagioni in serie A, adesso è il momento di proseguire l’opera intrapresa, di consolidarla, di proiettare il Siena verso un futuro caratterizzato da un programma di robusto assestamento delle posizioni acquisite, restando sempre coi piedi per terra ma non per questo negando la possibilità di ulteriori, sempre maggiori, obiettivi. Vogliamo una società che sappia mischiare esperienza e gioventù, unendo campioni e giovani promesse in un progetto di lunga gittata. Sì, caro Pierluigi, vogliamo continuare a sognare, vogliamo che questa favola della A duri il più a lungo possibile e che negli stadi italiani, da Milano a Palermo, la Robur riscuota sempre consensi, si faccia ammirare per sportività, sano agonismo e anche per la correttezza, la fantasia e l’entusiasmo di noi tifosi. Sapere che d’ora in avanti, pur con i tanti impegni professionali, sarai tu a rappresentarci in tribuna, nelle interviste e in Lega, è per noi ragione di straordinario orgoglio: che bella carta d’identità per il Siena. Cosa di migliore poteva scaturire da una città ch’è da secoli originale faro di cultura, di alacre laboriosità e di civile convivenza? Buon lavoro, quindi, Presidente. Diamoci la mano e cominciamo tutti insieme un nuovo cammino. Speriamo che sin da domani si possa bagnare quest’esordio con una limpida, squillante vittoria. Ovviamente, noi siamo qui, tutti stretti a te: mai ti mancherà il caloroso sostegno del SIENA CLUB I FEDELISSIMI”
Fonte: Siena Club Fedelissimi