Benini: “Incontro con la proprietà fissato il 9 maggio. Lavori allo stadio? Ottemperata solo una parte”

Nel corso della serata che ha visto la consegna del premio De Luca è intervenuto anche l’assessore allo sport del Comune di Siena Paolo Benini, che è stato sollecitato dalla stampa su alcuni temi di stretta attualità, a partire dai lavori allo stadio: “Il rapporto con il Siena è con il dg Trabucchi, io vedo solo lui. Hanno ottemperato alla prima parte dei lavori – spiega Benini – adesso è stata approvata una delibera di accettazione ma mancavano alcuni passaggi. Il Comune, pertanto, ha nuovamente inviato una raccomandata in cui richiede che venga fornito materiale ulteriore e un cronoprogramma relativamente ai lavori che fanno parte della concessione che il Siena si è aggiudicato”.

Ancora molti i punti di domanda sul futuro, per il quale l’assessore ribadisce come siano prioritarie stabilità ed organizzazione: “Da assessore mi aspetto che il Siena onori il blasone della squadra e della città, trovando un assetto organizzativo che consenta una gestione tranquilla. Senza quella è difficile far funzionare la squadra. C’è bisogno di stabilità, di figure giuste al posto giusto, è questo che produce risultati e porta continuità. I tifosi fanno il loro ruolo – rimarca Benini – hanno ambizioni e devono essere rispettati. Trovo che le parole le porti via il vento, per cui bisogna assumersi impegni che possano essere rispettati. Vorrei che ci fosse coerenza di gestione ed un progetto sostenibile con qualche ambizione, ricordando che in un giorno non si fa niente”.

Non si è ancora concretizzato l’appuntamento tra il Comune e la proprietà in programma in questi giorni: “È stato rinviato, al pari di quello con l’Emma Villas, perché il sindaco era impegnato in un incontro con Sala, Gori (primi cittadini di Milano e Bergamo, ndr) ed il sindaco di Catania. L’incontro è stato aggiornato al 9 maggio, non so se il Siena ha confermato la sua presenza. Dovremo parlare delle loro progettualità future, mi auguro che lo si possa fare. Cosa c’è all’ordine del giorno? Una concessione scritta che il Siena si è aggiudicato e ci sono i lavori dello stadio. Altre cose a noi non interessano. L’amministrazione deve sincerarsi – conclude l’assessore – che questa concessione venga onorata in tutti i suoi punti nei tempi e nei termini che sono previsti. Se poi il Siena sarà presente e ci dirà altre cose ascolteremo”. (Jacopo Fanetti)

Fonte: Fol