Benini: “Il Siena deve essere paziente. Nuovo stadio? Operazione fattibile”

“In Serie A e in Serie B il Siena c’è già stato, perché allora non ci può tornare? Se usiamo sempre il dubbio e vediamo l’impossibilità di fare le cose, è il primo punto per non farle”. Così Paolo Benini, assessore allo sport del Comune di Siena, sul futuro (ma anche il presente) della Robur. “L’importante nello sport è capire che i soldi non necessariamente fanno vincere – spiega Benini alla Gazzetta di Siena – tutti bisogna essere pazienti. La società bianconera troverà piano piano un assetto che garantisca risultati che in questo momento sembra non ottenere. Deve imparare ad essere paziente e capire che nulla si fa in un giorno”.

Sulla questione del nuovo Franchi “non credo che gli imprenditori armeni pensino di fare lo stadio in 15 giorni – continua l’assessore – sono coscienti delle difficoltà di questa decisione, e credo che in accordo col Comune possano stabilire un percorso per superare le criticità che si incontrano. Il percorso non è semplice, ma fattibile. Il Comune ha l’interesse limpido a sostenere l’operazione, se le esigenze dell’imprenditore coincidono con le esigenze della città”. “Del dibattito al Santa Maria della Scala sul modello Dacia Arena – conclude Benini – ho imparato una cosa: l’Udinese ha fatto lo stadio grazie alla sinergia tra società e Comune e la grande persistenza e caparbietà di quel sindaco, Furio Honsell, di portare in fondo quel progetto”.

Fonte: Fol