BELLA SERATA PER LA CONSEGNA DEL PREMIO ROBUR

Nell’attesa della sua più che mai auspicata riconferma, Mario Beretta è stato ospite del nostro club martedì 6 maggio. La giuria del premio Robur gli ha assegnato l’ambito riconoscimento per i suoi indubbi meriti nella conduzione del Siena a ben due salvezze consecutive. “Noi vogliamo Mario Beretta!” è stato questo il leit motiv della serata degli oltre 120 di commensali. Tifosi di tutte le età  hanno voluto festeggiare il tecnico milanese in maniera schietta e travolgente allo stesso tempo. Tra di loro, ospiti graditissimi, c’erano l’assessore Massimo Bianchi in rappresentanza del sindaco Cenni, che ha mandato un messaggio ed un omaggio per il mister non potendo essere presente, i dirigenti del Siena Pasquale Cappelli, Fulvio Muzzi, Stefano Osti, Sandro Federico, il presidente di Banca Monteriggioni Claudio Corsi, vari giornalisti senesi, il responsabile della Comunicazione della Banca Monte dei Paschi Davide Rossi ed il Presidente del Monte dei Paschi Giuseppe Mussari. Proprio Mussari, con spirito da tifoso vero, ha elogiato le doti del tecnico bianconero, auspicandone con forza la riconferma alla guida della Robur anche nella prossima stagione, sottolineando “anche se non dipende da me”. Nicola Natili e Lorenzo Mulinacci per conto del club hanno evidenziato l’importanza proprio della banca Monte dei Paschi espressa con un riconoscimento speciale assegnatole nell’ambito del Premio Robur. Mario Beretta ha ringraziato tutti, felice del premio ricevuto ma soprattutto dell’accoglienza avuta da parte dei tifosi dal momento del suo ritorno sulla panchina senese. “sto bene a Siena, perché dovrei andarmene?” si chiedeva Beretta rispondendo alle pressanti domande dei tifosi senesi, che ha anche confermato la tesi seconda la quale “a Siena dobbiamo remare tutti assieme, società, tifosi, squadra, per avere risultati nel mondo del calcio ad alto livello. Proprio ai tifosi chiesi comprensione e vicinanza quando sono tornato, voi lo avete fatto ed i risultati ci sono stati amici”. Massimo Losi ed i suoi collaboratori hanno preparato una gustosissima cena, apprezzata da tutti, ma questa non è più una novità. Tra un bicchiere di vino ed una risata, tra un aneddoto ed un ricordo, tanti tifosi senesi hanno trascorso una  bella serata, di quelle che vorresti non finissero mai. Come Fedelissimi siamo particolarmente felici che autorità come il presidente Mussari abbiano potuto toccare con mano, facendosi travolgere dall’entusiasmo generale, il vero spirito che anima il nostro club. (Antonio Gigli) Fonte: Fedelissimi