BARONI: UN PUNTO MOLTO IMPORTANTE

 

Marco Baroni: "Abbiamo conquistato un punto importante contro una buona squadra, con qualità individuali da prime cinque del campionato. Un punto che ha peso nella convinzione, nella stima, nelle certezze della squadra. Un punto da cui partire. Sono contento dell’atteggiamento visto in campo: mi interessavano le risposte della squadra, dovevo sentire di averla acquisita. Tre giorni sono pochi, è vero, ma sono stati tre giorni intensi e qualche risultato credo si sia visto. L’episodio di Ghezzal? Preferisco non parlare di arbitri, sono appena arrivato. Preferisco porre l’attenzione su altre cose. Perché ho cambiato subito in corsa? Lo avevamo preparato in allenamento: dovevamo soffocare la fonte di gioco che era Baronio, ma Amauri si apriva molto, Reginaldo faceva un po’ fatica. Ho fatto anche riscaldare Calaiò, nel caso lo avrei inserito. Avevamo deciso nel caso di cambiare velocemente. Un test anche questo, per me, per capire se c’era voglia, attenzione, disponibilità al sacrificio per il cambiamento in corsa. Ho ricevuto una risposta importantissima. Un test per vedere nei ragazzi la reale voglia di togliersi dall’ultimo posto: ho visto determinazione, compattezza, contro una squadra, ripeto, non facile da affrontare. Terzi, ad esempio, sapevamo benissimo che avrebbe potuto soffrire esterno, con Foggia e Zarate, l’ho comunque sacrificato esterno. In questo momento preferisco guardare più alla prestazione che che all’aspetto tattico e di quella sono contento. Ho avuto poco tempo per lavorare con la squadra e ho cercato di spenderne la maggior parte per intervenire sulla testa. La classifica non la guardo e se dovessi guardarla non mi spaventa. Giampaolo? Mi ha lasciato una squadra su cui ha lavorato per un anno e mezzo, un lavoro importante. Cercherò di dare continuità a questo lavoro, mettendoci del mio, perché non sono lui.
La tuta? Con la pettorina ero davvero inguardabile, ma mi sentivo più a mio agio. La giacca e la cravatta vanno meritate. Paolucci? E’ un investimento importante che va recuperato. Deve fare un passo verso di me e verso la squadra. Non ci sono altre cose da sottolineare. Sono appena arrivato, mi è sembrato non stesse benissimo. Non ho guardato dietro, ma solo quello che ho visto in questi giorni. Ma ha tutte le possibilità per giocarsela". (Angela Gorellini

Fonte: Fedelissimo on line)