Baldari: “Felicissimo della chiamata del Siena. Il mio debutto? Ero entusiasta”

La chiamata l’ha aspettata fino all’ultimo. Ed è arrivata il 10 settembre. “Sono partito subito per Chianciano, ero felicissimo”. Gabriele Baldari, il più giovane del gruppo con Ravanelli, non ci ha pensato un momento quando il Siena ha scelto di inserirlo nella rosa di Magrini, pur consapevole che di spazio ne avrebbe trovato poco. “Certo, lo sapevo, ma ho comunque voluto vivere questa esperienza. Per me è una grande opportunità vivere lo spogliatoio con giocatori esperti: mi aiutano, mi danno consigli e insegnamenti, in campo, fuori dal campo e anche a casa, visto che vivo con Granado… Cerco di imparare il più possibile da loro”, racconta a La Nazione il centrocampista romano, già lo scorso anno nella Primavera bianconera.

Baldari è una mezz’ala (“ma posso fare anche il trequartista”) e ha esordito contro la Fortis Juventus. “Mentre mi stavo riscaldando non vedevo l’ora che il mister mi chiamasse, quando lo ha fatto ero felice, entusiasta. È stato bello sentire dal campo tutta la vicinanza dei tifosi”. Uno sguardo al Pontassieve, il prossimo avversario. “Sono ultimi in classifica, ma non dobbiamo sottovalutare l’impegno. Abbiamo visto che in questo campionato non ci sono risultati scontati, anche chi è in basso può far del male alle prime della classe. Ma noi vogliamo continuare il nostro cammino, non vogliamo fermarci e faremo di tutto per centrare il risultato”. “Mi piacerebbe collezionare più minuti possibile – conclude Baldari – e sì, mi piacerebbe rimanere a Siena anche la prossima stagione”.

Fonte: Fol