Bagarre nelle posizioni di vertice, il Cesena sale al primo posto e affianca l’Entella. Torna al successo il Fiorenzuola

Dai due big match emergono risultati che rimescolano ulteriormente le carte in testa alla classifica. Per la prima volta da inizio stagione a guardare tutti dall’alto al basso è il Cesena, giunto alla quinta vittoria consecutiva dopo il successo casalingo con il Gubbio. Netto il 3-0 che gli uomini di Toscano rifilano agli eugubini, firmato Corazza, Saber e Ferrante, che vale il sorpasso in classifica. Appaiata ai romagnoli a quota 24 c’è la Virtus Entella, fermata sullo 0-0 nell’altro scontro al vertice dalla Reggiana. Né vincitori né vinti al termine della sfida, con gli emiliani che restano ad una lunghezza dalla vetta. Un gradino più sotto ci sono la Robur e la Carrarese. Dal Canto e i suoi allungano la striscia positiva superando anche la Fermana con un risultato all’inglese, maturato grazie alla rete di Schiavi su rigore e al sigillo finale di Samele. Dopo un periodo di appannamento ritrova il successo anche il Fiorenzuola, vincente di misura a Macerata sulla Recanatese con il solito Morello.

Frena ancora il Rimini, che cade nel tranello del Pontedera vedendo scappare momentaneamente il gruppetto di testa. Al ‘Mannucci’ è decisivo Aurelio, già castigatore della Robur in Coppa, nel regalare un altro successo a Canzi e i suoi. A farsi sorprendere è anche la Lucchese, che cade tra le mura amiche al cospetto di un’Alessandria in ripresa. Lombardi apre le marcature dopo nemmeno un giro di lancette, Tumbarello ristabilisce la parità sul finire di prima frazione ma ci pensa Nepi a portare i tre punti in Piemonte siglando il 2-1 finale. Mezzo passo falso anche per l’Ancona, stoppato dal fanalino di coda San Donato Tavarnelle al ‘Brilli Peri’ di Montevarchi. Succede tutto nella prima frazione, con un botta e risposta tra Galligani e Spagnoli.

Importante affermazione in chiave salvezza della Torres, che ha anche l’effetto di inguaiare ulteriormente un Montevarchi in crisi. Decidono la sfida le reti di Scappini e Masala, a nulla serve il momentaneo pari di Giordani dal dischetto. La giornata di grazie delle sarde è poi chiusa dal ritorno alla vittoria dell’Olbia, corsara ad Imola con un gol di Contini. I bianchi ritrovano i tre punti che mancavano dal primo turno e possono tornare a respirare. (J.F.)

Fonte: Fol – Foto: Facebook Torres Sassari