Avellino-Siena 0-1

AVELLINO (3-5-2): Terracciano, Izzo, Fabbro, Pisacane, Zappacosta, Arini (67’ Castaldo), Schiavon, D’Angelo (44’ Angiulli), Millesi, Ciano, Galabinov (79’ Galabinov). A disposizione: Seculin, Angiulli, Soncin, Biancolino, De Vito, Togni, Castaldo, Ladriere, Decarli. All. Rastelli.
SIENA (3-4-3): Lamanna, Ceccarelli, Giacomazzi, Dellafiore (61’ Morero), Angelo, Valiani, Schiavone (93’ Vergassola), Pulzetti, Feddal, Rosina, Rosseti (86’ Jordà). A disposizione: Farelli, Morero, Milos, Vergassola, D’Agostino, Fabbrini, Rafa Jordà, Scapuzzi, Cappelluzzo.
ARBITRO: Fabbri di Ravenna (Del Giovane, Lo Cicero, Greco)
AMMONITI: Arini, Valiani, Rosseti, Lamanna, Schiavon, Izzo
MARCATORI: 73’ Rosina
SPETTATORI: 10.000 circa. Paganti e incasso non comunicati; abbonati 2.105. Senesi 51
NOTE: Tiri in porta 4-5. Tiri fuori 4-1. In fuorigioco 4-1. Angoli 3-3 . Recuperi: p.t. 3, s.t. 5.

 

Una prima frazione da calcio spezzatino, per la densità in mediana delle due squadre e per l’arbitraggio tutt’altro che british dell’arbitro Fabbri, poi il decollo nella ripresa. Ci pensano Rosina, che con una punizione beffa Terracciano sul secondo palo, e Lamanna, che poco prima salva su Galabinov e poi non sbaglia un’uscita quando i Lupi tentano l’assedio finale. E’ la terza vittoria consecutiva contro le diretti concorrenti, che vale l’entrata nei play-off, a prescindere dagli altri risultati.

Ceccarelli sostituisce Belmonte e Pulzetti è riconfermato nel tridente, ma la sorpresa di Beretta è Schiavone in mediana ad affiancare Valiani. Nel 3-5-2 di Rastelli tornano D’Angelo e Zappacosta a centrocampo; non c’è come previsto Castaldo, accomodato in panchina.

Match molto contratto, la gara stenta a decollare. Il primo tiro arriva addirittura al 20’, con un tiro centrale di Schiavone. Al 37’ giallo ad Arini per un fallo su Pulzetti. Al 40’ anche Valiani finisce nel tabellino dei cattivi. Al 41’ cartellino pure per Rosseti; esageratamente fiscale fin qui il signor Fabbri di Ravenna. Al 43’ si fa male al fianco sinistro Angelo D’Angelo, costretto all’uscita anticipata un minuto dopo; al suo posto Angiulli. I tre minuti di recupero rendono l’idea di quanto (poco) si è giocato nel primo tempo. Al 46’ una bomba di Feddal scalda i guanti a Terracciano; è la prima vera chance della gara.

Al 4’ esagera Schiavone, che da 40 metri tenta il tiro da punizione. Al 9’ pericoloso l’Avellino: la difesa senese sbaglia il fuorigioco, Izzo manda in porta Galabinov ma è bravissimo Lamanna a rimanere in piedi e deviare il destro dell’attaccante bianco verde. Al 16’ si ferma Dellafiore, rilevato da Morero. Al 18’ Rosina, su punizione, sblocca la gara: preciso mancino sul secondo palo, Terracciano, ingannato dal rimbalzo, si fa scavalcare e la palla termina in rete. Al 22’ Rastelli gioca la carta Castaldo, al posto di Arini. Al 25’ termina abbondantemente fuori il colpo di testa di Fabbro. Nel giro di due minuti giallo a Lamanna e Schiavon. Al 34’ esce Galabinov ed entra Biancolino. Al 35’ Lamanna blocca una zuccata di Castaldo.Al 38’ Ciano tenta la conclusione ma il suo tiro termina alto. Al 41’ Beretta richiama Rosseti, sostituto da Jordà. Nel primo dei 5’ di recupero giallo a Izzo per fallo su un inesauribile Rosina. Al 48’ esce Schiavone ed entra Vergassola. Al 50’ il siluro di Ciano su punizione è centrale, ma Lamanna è attento a non farsi sorprendere. (Giuseppe Ingrosso)

Fonte: Fedelissimo online