Atzori: “Usciamo a testa alta, la sconfitta ci penalizza troppo”

In conferenza stampa Gianluca Atzori incomincia dall’episodio che ha deciso la gara, il gol di Caidi sugli sviluppi di un corner. “Credo che il nostro portiere sia stato ostacolato. Da lì la partita si è messa in salita. C’era una carica su Montipò ma l’arbitro è stato troppo permissivo in area piccola”.

Hanno deciso gli episodi – “Siamo venuti a Teramo per giocare, abbiamo creato molto, peccato per la sconfitta che ci penalizza troppo. Abbiamo giocato, creato, fatto la partita che dovevamo fare. Dopo il secondo gol la partita ha preso una piega difficile, abbiamo cercato di recuperarla in tutti i modi ma questo è il calcio. A volte gli episodi determinano il risultato, adiamo avanti”.

Playoff ancora vicini – “La Spal in fuga? Il nostro obiettivo è arrivare al terzo posto, bisogna prendere spunto da questa partita, capire dove sono stati gli errori e migliorarci. L’obiettivo è lui e non lontano”.

A viso aperto – “Nonostante la batteria di attaccanti loro si difendevano bene e non era facile. Abbiamo avuto l’occasione per pareggiare, non abbiamo fatto barricate, affrontando il Teramo a viso aperto. Ripeto, il risultato ci penalizza troppo”.

Stesso modulo – “E’ stata una partita che di solito si vede in casa, quando gli ospiti ripartono. Stavolta è successo il contrario, abbiamo cercato il gioco tramite il fraseggio. Sorpresa nel modulo? E’ sempre un 4-4-2 ma a rombo, quello che avete visto con l’Arezzo e col Pisa”.

A testa alta – “Piredda ha fatto un gran assist per La Vista, poi era ammonito e avendo paura di quello che successe con Celiento ho preferito toglierlo per inserire forze fresche. L’Aquila? Quando viene una sconfitta che brucia meglio tornare a giocare subito. Ma usciamo a testa alta, non abbiamo mai rinunciato, abbiamo giocato da squadra, questa è la strada che ci porterà sicuramenti ai risultati”. (Giuseppe Ingrosso)

Fonte: Fol