Atzori: “Bonazzoli colonna portante con Portanova. Ecco la lista di chi vorrei confermare”

Giovedi, su Antennaradioesse, è intervenuto il mister bianconero Gianluca Atzori, che ha parlato dei nuovi acquisti, della preparazione fisica che imposterà e della sua lista dei giocatori da confermare: cinque nomi, di cui tre praticamente se ne sono già andati.

Nuovi acquisti – “Montipò è un Nazionale under 19, l’ho visto giocare e mi ha fatto una grande impressione. E’ un ’96, mi auguro che continui a fare quello che ha fatto di buono. Libertazzi è un centravanti, dotato di un buon colpo di testa, questo campionato lo conosce bene. D’Ambrosio è molto forte come difensore, può giocare anche centrale. Per me la fase difensiva è molto importante. Paramatti è un ragazzo che conosco, ottimo difensore, l’anno scorso ha subito un intervento chirurgico al ginocchio, non ha giocato quasi mai. ma sta bene adesso. L’ho visto giocare in Primavera. Bonazzoli è molto importante per me. Come Portanova sarà la colonna portante della squadra. Lo conosco, sa già come muoversi, quello che io voglio da un centravanti”.

La lista di Atzori – “Ho visionato le partite della scorsa stagione perché non conoscevo la squadra. Ho dato parere positivo per Zane, Riva, Minincleri, Varutti e Titone. Poi la palla passa alla società per definire gli accordi economici coi giocatori”.

Giovani –“Uno dei nostri obiettivi è quello di mettere più giocatori Under in rosa, dalle 5 alle 8 unità. Se riuscissimo a coprirle tutte e 8 avremo quel premio di valorizzazione che la Lega offre”.

Preparazione – “D’accordo col mio preparatore cambieremo qualcosa per il carico di lavoro. Visto che le società in Italia non ti danno il tempo di partire col freno a mano, voglio partire subito forte. Dobbiamo mantenere questa categoria e dovremo cominciare subito a pedalare.

La rosa – “La fretta è cattiva consigliera, sono consapevole che non avremo la rosa completa per il ritiro ma manca tanto all’inizio del campionato. Voglio 2-3 posti liberi perché alla fine del mercato ci sono quelle società di A e B che possono lasciare qualche giovane importante”.

Robur Camp – “Ho conosciuto Ruggiero Radice. Sono contento di poter aver dato un sorriso ai ragazzi. E’ stata una giornata molto piacevole, mi hanno detto che sono stato il primo allenatore a far visita al Robur Camp”. (Giuseppe Ingrosso)

Fonte: Fedelissimo Online