Approfondimento sul Varese di Luca Casamonti

 

Penultimo atto della stagione per la Robur e ultima gara davanti ai propri tifosi per i bianconeri. Nel posticipo di lunedì l’avversario sarà il Varese, una delle rivelazioni di questo campionato, che ha avuto nella regolarità il suo maggior pregio. La squadra di Sannino arriva a Siena con 65 punti all’attivo e hanno già staccato il biglietto per i play off, assicurandosi il quarto posto in classifica. Lo scopo delle ultime due giornate è quello di provare a superare il Novara ed arrivare terzi per avere il fattore campo a proprio favore, e con il Franco Ossola imbattuto da quasi tre anni sarebbe un gran bel vantaggio. Sono 23 i punti conquistati dal Varese lontano da casa, frutto di 4 vittorie e 11 pareggi con soli 18 gol fatti. Passando alla formazione che vedremo in campo lunedì sera sul prato del Franchi, Sannino ha diversi problemi tra squalifiche ed infortunati. Lo schema sarà il 4-4-2, molto simile a quello della nostra Robur. Passando agli uomini, in porta non ci sarà Zappino, diffidato e con una botta all’anca ancora da smaltire, e sarà sostituito dal francese Moreau. In difesa confermati sulle fasce Pisano e Pugliese mentre per i due centrali ci sono diversi dubbi. Fuori Pesoli per infortunio, sicuro del posto appare Camisa, mentre Dos Santos potrebbe essere avanzato a centrocampo, facendo spazio a Figliomeni. Emergenza nella zona mediana dove non ci dovrebbero essere Frara, Zecchin, Correa e Corti infortunati e nemmeno Carrozza squalificato. Scelte allora quasi obbligate con Nadarevic e Concas esterni, mentre al centro accanto al motorino Osuji se non recupera nessuno degli acciaccati, toccherà a Dos Santos. Davanti senza Neto Pereira squalificato, Tripoli sembra in vantaggio su De Luca per affiancare bomber Ebagua.
Dopo il passo falso di Ascoli, e una vittoria che manca ormai dalla trasferta di Grosseto, la Robur è chiamata ad una grande prova. Una prova gagliarda, convinta per ritrovare una vittoria che sarebbe il più bel tributo che la squadra potrebbe dare al suo pubblico. Per farsi dire GrAzie AncorA da tutto lo stadio. Fonte: Fedelissimo Online