Antonelli: “Robur, tifosi e città tutti uniti per raggiungere l’obiettivo”

 

“Invitiamo tutti, compreso coloro che sono un po’ più lontani dalle sorti della Robur a venire domenica allo stadio e a tifare per il Siena”. Così il responsabile dell’area tecnica Stefano Antonelli, che ha parlato di “Tutti in campo con la Robur” l’ iniziativa promossa dalla società bianconera: “È un’iniziativa voluta da tutti noi ed in modo particolare dalla proprietà perché desideriamo fortemente vedere uno stadio pieno. Sabato scorso a Genova ci trovammo davanti una gran cornice di pubblico e un calore straordinario verso il Genoa: quello è il valore che aggiunto che il tifo deve darci e di cui adesso la squadra ha bisogno. Capisco benissimo che Siena attualmente sta vivendo un momento non facile, ma magari attraverso la Robur si può ripartire e prendersi una piccola rivincita”.

Parlando in termini pratici dell’iniziativa il direttore spiega: “Cercheremo di trovare tutte le possibili modi per agevolare l’acquisto dei biglietti da parte dei tifosi, senza creare troppi disagi. Con questa iniziativa diamo la possibilità ad ogni abbonato di portare allo stadio alcune persone al costo di 50 centesimi. Il prezzo è chiaramente simbolico, perché il nostro unico scopo è quello di portare gente allo stadio, in modo che i tifosi ci trascinino verso un traguardo che sembrava insperato, ma che adesso, anche grazie al supporto di tutta la città, può divenire realtà”.

Nel pomeriggio Antonelli ha presentato l’iniziativa anche ad alcuni rappresentanti del tifo senese, cercando di far capire quanto importante sia il coinvolgimento di tutti: “L’incontro è stato piacevole  e la nostra iniziativa mi sembra che sia stata accolta favorevolmente. Per domenica, come ho spiegato anche a loro sarebbe bello se ognuno venisse allo stadio con la sciarpa o la bandiera del Siena. Ma soprattutto ho voluto sottolineare quanto per la squadra adesso un forte coesione con la città sarebbe fondamentale e forse decisiva”.

Infine una battuta sul Parma, domenica al Franchi: “C’è poco da dire del Parma, hanno tanti calciatori forti e farà la propria gara. Ma a prescindere dall’avversario di turno, torno a ripetere che è fondamentale creare una sintonia tra il Siena calcio e il resto della città, per avere davvero una valore aggiunto per questo finale di stagione”. (Luca Casamonti)

Fonte: Fedelissimo Online