Antonelli: “Bisogna andare avanti per un percorso comune”

Il responsabile dell’area tecnica bianconera ha parlato a tuttomercatoweb.com della situazione attuale della Robur, sia dentro che fuori dal campo. Di seguito l’intervista integrale:

Un comunicato per prendere posizione, una precisazione per chiarire. Il direttore sportivo del Siena, Stefano Antonelli, parla a Tuttomercatoweb delle prospettive societarie e degli ultimi accadimenti, in particolare l'udienza fissata per il 30 maggio che riguarda un'istanza di fallimento.

Antonelli, che succede?
"La strada è lunga, anche se in miglioramento. Diventa però sempre più difficile nel momento in cui non c'è la capacità di altri interlocutori di capire che bisogna assolutamente comportarsi deontologicamente in modo corretto, il comunicato del Presidente è chiaro: una comunicazione precedente dove si dice che è fissata un'udienza per un'istanza di fallimento che è stata divulgata a mezzo stampa, può solo creare confusione. Bisogna andare avanti per un percorso comune. Il Siena vuole ottemperare ogni suo tipo di impegno con chiunque a patto che il percorso possa continuare. Non ammetteremo da parte di nessuno azioni contro la nostra azienda. In un momento così, dove il Siena sta portando avanti con dignità il suo percorso, c'è sempre qualcuno che prova a destabilizzare, non serve a nulla. Il Siena si salverà con le proprie forze: se non dovesse farcela i creditori non prenderebbero più nulla. L'unico modo per essere ottemperati è creare un percorso comune".

Siena e Bari, in serie B, in difficoltà. Come vi sta aiutando la Lega Serie B?
"È esemplare, respira insieme a noi. Abodi ha creato una struttura unica. Rappresento un'azienda in difficoltà, proprio come il Bari, che sta facendo una serie di sacrifici per tornare a respirare con i propri polmoni. Senza la Lega avremmo avuto qualche difficoltà in più".

A proposito, contro il Bari non avete fatto bene. Per il resto, soddisfatti del campionato?
"Senza penalizzazione avremmo avuto quarantuno punti in classifica, uno in meno dalla serie A diretta. Bari è stata una tappa negativa, che non ci aspettavamo. Abbiamo sbagliato l'approccio, la prestazione. E siamo ripartiti contro la Juve Stabia. In venticinque partite di campionato ne abbiamo perse quattro, siamo la squadra che ha perso in meno in tutto il campionato. Abbiamo fatto più gol di tutti. Ma si può sempre fare meglio, lavoriamo per questo".

Ci pensate ai playoff?
"In questo momento pensiamo ad evitare prestazioni come quella di Bari. E dobbiamo pensare alla giornata"

Serie B: la sua griglia finale?
"Palermo superiore per distacco, gli altri sono sulla stessa linea: il campionato è lungo, mancano diciassette partite. Il Cesena s'è rinforzato molto sul mercato, al minimo errore ti fa male. Il Carpi ha fatto una campagna acquisti sontuosa, così come lo Spezia che ha rigenerato l'organico con giovani di valore assoluto come Bianchetti, Bellomo e Giannetti".

Mercato: a gennaio ha chiesto Calello al Chievo
"È rimasto nei nostri cuori, ha fatto particolarmente bene e siamo grandi estimatori del calciatore. Si poteva creare un'operazione insieme al Chievo, ci abbiamo pensato. Fermo restando che conosco Calello così come il suo agente, credo che ci avrebbero ringraziato ma è un giocatore di serie A".

Fonte: Fedelissimo Online