Antonelli: Beretta professionista serio e onesto, chiudiamola qua

Una conferenza congiunta per “precisare”. Per chiudere la parentesi Palermo e ripartire con più determinazione di prima. L'allenatore della Robur Mario Beretta e il responsabile dell'area tecnica bianconera Stefano Antonelli hanno incontrato nel pomeriggio la stampa dopo il finale infuocato della gara con i rosanero, condito da dichiarazioni molto animate.

Stefano Antonelli: “Abbiamo ritenuto necessaria questa conferenza stampa per precisare la nostra posizione sugli 'accadimenti' di ieri e poterci concentrare finalmente sulla gara con il Brescia. Avvenimenti figli di un sentire tanto quello che si fa, di vivere intensamente le situazioni. Questa società si è sempre espressa con toni garbati, le sue 'proteste' le ha sempre portate avanti con grande civiltà e quando avevano ragione di farle. Beretta ha non meno di venticinque anni di onorata e onesta carriera, se ne sono sentite troppe nelle ultime ore su di lui e su di noi: non cerchiamo giustificazioni, ma certe puntualizzazioni sono dovute. Siamo qua per riportare i giusti equilibri. Il mister lo conoscono tutti, tutti sanno il professionista serio che è, conoscono la sua coerenza, la sua onestà, il suo equilibrio e la sua educazione. Siamo persone pubbliche e accettiamo giudizi, ma non la strumentalizzazione. Vogliamo chiuderla qua, andare avanti e pensare alla gara con il Brescia, ripartendo dalla grande prestazione che abbiamo fornito con il Palermo, che è stata una partita da serie A. Stiamo crescendo, siamo certi di poter essere protagonisti nel campionato lungo e pieno di insidie che ci attende. Daremo e chiediamo più attenzione da parte di chi ci deve giudicare. Intanto siamo soddisfatti della decisione del giudice sportivo nei confronti di Beretta che è stato ammonito con diffida: significa che il suo atteggiamento in un momento particolare è stato capito”. (Angela Gorellini)

Fonte: Fedelissimo on line