Andiamo avanti così, facciamoci ancora del male!

Ho già scritto che il referendum proposto dal Dipartimento Interregionale e LND, è stato solo un goffo tentativo di scaricare tutte le responsabilità sulle società E’ stato deciso di andare avanti, credendo che le avversarie sarebbero state le altre società, non capendo che il nemico è uno solo, uguale per tutti, il covid. Il campionato di serie D è praticamente già fermo, oggi sono saltate 48 partite su 83, pari al 58%, una situazione che dovrebbe portare ad una decisione ormai invocata da molti: fermare il campionato per qualche settimana.

Non ci sono alternative, anche e soprattutto perché questa stagione, andando avanti così, sarà profondamente falsata. Mi resta difficile capire perché i vertici della LND ancora non si sono pronunciati, ancora non hanno preso una decisione che ormai è irrimandabile. La imporrebbe lo sforzo economico che tutte le società stanno compiendo, la salvaguardia della salute di giocatori e dirigenti, il rispetto verso chi vorrebbe sostenere la propria squadra e non può farlo.

Qualche società chiede un cambio del protocollo, uguale o quanto meno simile a quello dei professionisti . Ma….quante società potranno sostenere i conseguenti enormi costi? Poche, pochissime a meno che non si speri che le ASL aiutino le società con minori costi di monitoraggio, ma a quel punto mi incazzerei come cittadino. Sospendere il campionato per un periodo che sarò valutato mese per mese è l’unica amara soluzione, continuare così è da miopi e oltre alla salute si rischia anche di andare incontro ad un campionato barzelletta. (Nicnat)

Fonte: FOL