Alessandria: “La seconda rete ci ha tagliato le gambe”

Anche il tecnico del Cannara Antonio Alessandria ha parlato in sala stampa al termine della sfida. Di seguito le sue impressioni:

Giovani – “Da quando sono arrivato due anni fa, con la società abbiamo intrapreso un progetto che punta a valorizzare giovani. Il ragazzo del 2005 si allena in pianta stabile con noi da inizio anno, quindi ho voluto dargli la possibilità di giocare. La nostra posizione di classifica ci permette di valorizzare qualche giovane, e quindi ci prendiamo il lusso di farli giocare anche in partite come questa”.

Partita – “La abbiamo preparata conoscendo il valore del Siena, sia dei singoli che del gioco. Avendo due ragazzi giovani in campo, abbiamo provato un po’ ad aspettarli. Fino al rigore siamo stati benissimo in partita. Nel secondo tempo abbiamo cercato di andare a prenderli più alti, ma il secondo gol ci ha un po’ tagliato le gambe. A mio avviso fino a quel momento ce la siamo giocata.

Episodi – “Il rigore secondo me c’era, Guidone da buon mestierante ha accentuato ed il mio ha abboccato. Ma il rigore c’era. Io ho solo chiesto spiegazioni all’arbitro per un episodio sull’1-0, quando un giocatore del Siena era caduto ed aveva affossato Bazzoffia. Qualche dubbio mi rimane, però l’arbitro ha detto che non si ricordava”.

Siena – “Sono obiettivo e veritiero. Se avessero lasciato le cose come stavano probabilmente ora il Siena avrebbe una classifica diversa. Quando poi devi recuperare punti in classifica non è facile. Il campionato di serie D è un campionato trappola, non si può dare nulla per scontato. Il gap è molto ampio, ma il Siena mi sembra una squadra con delle alternative incredibili”. (Jacopo Fanetti)

Fonte: Fol