Albinoleffe-Siena, le dichiarazioni di Gervasoni

Proviamo ad andare a vedere cosa dice l’ordinanza di Cremona riguardo alle gare della Robur coinvolte nel caso del calcio scommesse.

L'ordinanza, riguardo la gara, inizia così: Partiamo da Albinoleffe-Siena 1-0 del 29.5.2011, 42^ ed ultima giornata del campionato di serie B ed il Siena aveva già pacificamente conquistato la promozione in serie A. Si tratta di una partita ampiamente trattata, sulla cui manipolazione non esistono dubbi. Si riassumono qui le dichiarazioni più significative rese dalle persone coinvolte

GERVASONI ha dichiarato al PM il 12.3.2012:

Ricordo di avere appreso da CASSANO che le scommesse dei giocatori della Lazio erano state effettuate presso un amico di ZAMPERINI che aveva un’agenzia di scommesse a Roma o che comunque aveva rapporti stretti con un’agenzia del genere.

Si tratta della stessa persona sulla quale ci siamo appoggiati io e CASSANO per scommettere nella seguente situazione: si trattava della partita Albinoleffe – Siena, l’ultima dello scorso campionato. Il Siena era già matematicamente promosso in serie A (si trattava solo di vedere se sarebbe arrivato prima il Siena o l’Atalanta). L’Albinoleffe, invece aveva bisogno di fare punti. In questa situazione CAROBBIO, che militava nel Siena, mi assicurò che per i primo 80 minuti, secondo quanto riferitogli da POLONI, la partita quasi certamente sarebbe stata senza gol. Dal discorso che mi fece io intuii che la partita alla fine sarebbe stata vinta dall’Albinoleffe, che aveva bisogno di punti, ma sie è trattato soltanto di una mia intuizione in quanto il discorso di CAROBBIO faceva riferimento solo a questi primi 80 minuti. Pertanto io e CASSANO abbiamo scommesso sull’UNDER (meno di tre gol) 5.000 € a testa realizzando una vincita netta che si pensava fosse di 18.000 € complessivi mentre in realtà CASSANO ha ricevuto 9.000 € netti. Ci siamo appunto rivolti a ZAMPERINI che conosceva questa persona che aveva a che fare con l’agenzia.

Fonte: Fedelissimo Online