Agitatevi pure, ma la Robur è prima.

La lunga rincorsa della Robur ha portato il primo posto in classifica, un traguardo che solo poche settimane fa sembrava irraggiungibile. La squadra e lo staff non hanno mai mollato e questo è il premio per i loro sforzi e la loro determinazione. Non abbiamo raggiunto nessun obiettivo concreto, ne siamo ben consci tutti, ma l’aver rimangiato 12 punti al Livorno rappresenta sicuramente un’importante iniezione di autostima che alla lunga potrebbe essere determinante..

La vittoria con l’Olbia, non ha solo consegnato il primo posto agli uomini di Mignani, ma anche aumentato il distacco dalle dirette inseguitrici, Pisa e Viterbese,  che rappresentano comunque delle valide antagoniste per i primi due posti.

Dopo lo stop della Lega a Arezzo-Livorno, in molti hanno gridato allo scandalo e ad un campionato falsato.

Onestamente ci resta difficile capire perché quando la Robur ha dovuto rinviare due partite per maltempo, nessuno ha espresso gli stessi concetti, eppure non c’è molta differenza tra una partita rinviata per neve e una per problemi economici di una società.  Il vero problema è che il calcio nazionale e ancor di più la Lega Serie C, sono guidati da personaggi che hanno dimostrato ampiamente di non essere all’altezza del compito, ma questo è – e chissà per quanto tempo ancora – sotto gli occhi di tutti. (nn)

Fonte: FOL