News

13/04/19 17:38 | Mignani: “Arrabbiati e delusi, rimbocchiamoci le maniche”

“Le sconfitte fanno sempre male, siamo tutti arrabbiati e anche delusi perché ci aspettavamo un esito diverso”. Parola di mister Michele Mignani, intervenuto al termine della sconfitta con l’Albissola:

Il match – “Abbiamo fatto un buon primo tempo, andando in vantaggio e creando presupposti per chiudere la partita. A volte abbiamo deciso di non calciare in porta e l’abbiamo pagato. Abbiamo preso i due gol su situazioni su cui eravamo preparati, cioè le ripartenze. Sul primo ci sono state due-tre situazioni in cui siamo arrivati a contrasto senza riuscire a prender palla. Il secondo è stata una ripartenza su angolo dopo l’occasione di Di Livio”.

Cose da salvare – “La partita si è messa in salita, la pressione col tempo che passa è sempre più alta e col 3-1 la partita è praticamente finita, anche se la squadra nel finale non ha mollato e questo è l’unico lato positivo di oggi aldilà del primo tempo accettabile. Ancora una volta dobbiamo voltare pagina, sono sconfitte che fanno male ma non possiamo piangerci addosso”.

Forte con le forti – “Questa squadra con le squadre forti fa buone prestazioni. Entriamo ai playoff vediamo in quale posizione, e ce la giocheremo”.

Arrigoni – “Ieri in allenamento ha avuto un dolorino, oggi aveva dato disponibilità a giocare ma lo conosco, non si tira mai indietro, giocherebbe anche con una gamba sola. La scelta è stata mia, di non farlo partire dall’inizio. Avevo l’idea di utilizzarlo in caso di necessità ma non c’era motivo di rischiarlo, si rigioca tra 4 giorni.

Di Livio – “Ho scelto Di Livio assieme a Guberti perché pensavo ci fosse la possibilità di giocare tra le linee, con la difesa difensiva loro che si abbassava molto. Secondo me ha fatto una buona partita, come ha fatto Guberti nel primo tempo. Poi Guberti è calato e ho pensato di inserire Aramu. Sono contento di Di Livio che era tanto che non giocava”.

Gerli play – “Vediamo se Arrigoni recupera da questo problema, penso di sì. Gerli sa fare l’uno e l’altro ruolo, è affidabile come il resto della rosa”.

Classifica – “Nel giro di tre partite abbiamo scalato qualche posizione. Dobbiamo essere equilibrati, tre settimane fa ci sentivamo forti da provare ad arrivare secondi o terzi, ora non siamo un’altra squadra. Qualcosa non è andato nel verso giusto con Arzachena e Albissola, però noi dobbiamo comunque provare a giocare al massimo queste ultime tre gare. L’importante è rialzare la testa e credere che quello fatto fino ad oggi è frutto di un lavoro che ci siamo costruiti. Buttarlo all’aria non avrebbe senso”.

Dispiacere – “Siamo dispiaciuti tantissimo, conosco la piazza e so benissimo che perdere con l’Albissola fa più rumore che perdere con il Pisa, la storia di questo campionato ha detto che abbiam perso con le più piccole e fatto risultato con le grandi. Ora ci sono le grandi, rimbocchiamoci le maniche e lavoriamo”. (Giuseppe Ingrosso)

Fonte: FOL

 

Tosoni Auto