Tosoni Auto

News

14/01/20 01:14 | Le pagelle di Robur Siena-Juventus U23

CONFENTE 6: effettua due uscite sventando un paio di minacce su cross laterali. Non viene mai impegnato tra i pali.

 

LOMBARDO 6: nella prima frazione è intraprendente, abbassa il proprio raggio d’azione nei secondi 45’ quando avrebbe potuto prendere campo vista la posizione accentrata degli esterni bassi della Juve.

 

D’AMBROSIO 6: si fa beffare da Beltrame nell’unica chance degna di nota dei piemontesi, ma copre bene gli spazi senza correre rischi. 

 

BARONI 6: imposta dal basso e controlla bene le sortite offensive del pericoloso Dany Mota. 

 

MIGLIORELLI 5,5: arriva al cross in poche circostanze. È disattento nel perdere la marcatura di Tourè che insacca da due passi. 

 

DA SILVA 6,5: pericoloso tra le linee, va in goal con l’evidente complicità di Loria ma si rivela pimpante rispondendo presente alla chiamata di Dal Canto. 

 

GERLI 6: fa il suo in cabina di regia, anche se alcune volte potrebbe guadagnare un tempo di gioco forzando la giocata anziché eseguire il passaggio orizzontale. 

 

VASSALLO 6: lotta e rincorre su tutti i palloni. Prende un’ammonizione ingenua che lo costringerà a saltare la trasferta di Carrara. 

 

SERROTTI 6: propositivo tra le linee in avvio, si batte molto anche nella fase d'interdizione. Cala d’intensità nella ripresa. 

 

D’AURIA 6: lavora bene il pallone anche se non attiva la modalità estro che avrebbe portato maggiore imprevedibilità offensiva. 

 

GUIDONE 5,5: spento e mai pericoloso. È efficace nelle sponde, ma la posizione eccessivamente lontana dalla porta gli preclude la possibilità di battuta a rete. 

 

OUKHADDA SV 

 

CAMPAGNACCI SV

 

ARRIGONI SV

 

ORTOLINI SV

 

Che si può dire? Due punti persi e poco da aggiungere. Il modo di portare a casa il punteggio pieno c’era tutto, se non fosse stata, ancora una volta, una disattenzione a rovinare tutto. E poco importa se in sospetto fuorigioco, tanto in C non esiste il VAR (e probabilmente non ci sarà mai). Si poteva tranquillamente uscire dal campo con in mano il successo, visto anche l’andazzo di una gara che la Robur ha comunque tenuto in controllo. Pur subendo troppo nella ripresa. Dal mercato sono necessari dei correttivi, è evidente.

 

(Niccolò Anfosso e Giacomo Principato)

Fonte: FOL